Giovedý 22 Ottobre23:00:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

"Tutti insieme al cinema", al via il progetto rivolto ai bimbi del reparto di oncoematologia

Mercoledì 29 gennaio al Multiplex Le Befane i bimbi insieme alle famiglie assisteranno alla proiezione del cartone animato "Tappo, cucciolo in un mare di guai"

Attualità Rimini | 19:19 - 27 Gennaio 2020 Sala al cinema riservata ai bambini Sala al cinema riservata ai bambini.

Al via “Tutti insieme al cinema”, nuovo progetto rivolto ai bambini del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Infermi di Rimini che prevede ogni 45 giorni la possibilità di assistere insieme alla famiglia a proiezioni di film presso il Multiplex Le Befane.
 
“Se prima accadeva una tantum, ora è un progetto strutturato con un calendario già stilato rivolto a tutta la famiglia” - spiega Samanta Nucci psicoterapeuta del Reparto di Oncoematologia pediatrica che prosegue - “Spesso con la malattia, la naturale routine famigliare si interrompe e i fratellini devono rinunciare a molte attività perché tempo e attenzioni sono rivolti per lo più al bambino malato. Tutti insieme al Cinema ha proprio l’obiettivo di riunire la famiglia e ricreare un momento di normalità”.
 
Mercoledì 29 gennaio per i bimbi del Reparto di Oncoematolgia pediatrica il primo appuntamento è con il cartone animato “Tappo, cucciolo in un mare di guai”.
 
Il progetto è reso possibile grazie all’idea e all’impegno di Arop, alla disponibilità di tutto lo staff medico e paramedico del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale infermi di Rimini, al prezioso aiuto di Franco Fiori e della famiglia Giometti che ogni volta metterà a disposizione accesso e sala riservata per i bambini trattati con la chemioterapia, perciò immunodepressi.
 
“Siamo molto contenti di poter donare un paio di ore di felicità a questi bambini - ha detto Massimiliano Giometti, titolare del Cinema Multiplex Le Befane – Sapere che questi bimbi che affrontano una battaglia quotidiana possano distrarsi con un buon film ci emoziona e il nostro impegno è ripagato dai sorrisi loro e delle loro famiglie”.