Domenica 05 Aprile09:21:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Tre politici riminesi siederanno in consiglio regionale: confermate Petitti e Rossi, arriva Montevecchi

L'assessora uscente fa il pieno di preferenze, secondo il giovane leghista riminese

Attualità Rimini | 14:24 - 27 Gennaio 2020 Ecco i tre consiglieri riminesi che siederanno in consiglio regionale Ecco i tre consiglieri riminesi che siederanno in consiglio regionale.

Sono tre i consiglieri eletti nella circoscrizione territoriale di Rimini che si sono assicurati un posto in seno al neoeletto consiglio regionale: sono Emma Petitti (assessore uscente al sociale con ben 8mila preferenze) e Nadia Rossi (3784 voti) per il Partito democratico, cui si aggiunge una new entry assoluta, il 26enne Matteo Montevecchi (5071 preferenze) per la Lega. La terna occuperà tre dei 50 posti il consiglio regionale, 22 del Pd e 13 della Lega. 

Il commento di Nadia Rossi
Grazie a tutti coloro che mi hanno sostenuta, partecipando attivamente alla campagna elettorale. Grazie a tutti coloro che hanno scritto il mio nome sulla scheda e a tutti gli altri che, partecipando al voto, hanno reso queste elezioni un grande momento di democrazia e partecipazione. Dai primi dati si evincono alcuni punti numerici chiari:
- Gli emiliano-romagnoli hanno di gran lunga preferito Stefano Bonaccini permettendogli di vincere con un distacco di 8 punti percentuali, con il 51,42% dei consensi e con un Partito Democratico che si afferma primo partito della regione con il 34,68%, un risultato inaspettato vista la grande campagna mediatica che ci dava sconfitti da tempo.
- In provincia di Rimini siamo tornati finalmente competitivi e abbiamo recuperato molto, mentre in città siamo stati il primo partito e la coalizione più suffragata.
- Ultimo “dettaglio”: i due seggi che spettano al PD di Rimini andranno a due donne, un risultato straordinario e di cui sono orgogliosa.
È stata una campagna elettorale fatta “Con il cuore, per la nostra gente” e così proseguiremo il lavoro in regione per i prossimi 5 anni. Un tour faccia a faccia con le persone, con la franchezza, la schiettezza e l’impegno che ha contraddistinto la mia attività in regione nei 5 anni passati e che è stato evidentemente premiato.
Per riassumere in poche parole, potremmo dire che è stata una campagna elettorale esuberante, fatta di proposta e partecipazione attiva e innovativa, grazie ad un utilizzo puntuale degli strumenti di comunicazione digitale. 
In conclusione, vorrei dire grazie ad un gruppo particolare di ragazzi che meritano il nostro abbraccio. Perchè quando fai una battaglia così difficile e contro un avversario così forte come sembrava essere Salvini, scoprire di avere un compagno di strada di cui non conoscevi l’esistenza è la più bella cosa che ti possa succedere. Questo sono state le sardine per noi.
Ancora grazie per la fiducia. Vi abbraccio.