Domenica 31 Maggio06:22:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

FOTO Flash mob degli studenti delle Ferrari per celebrare la giornata della Memoria a Rimini

Presente anche il prefetto Camporota e la vicesindaca Lisi: "Rifiutate l'indifferenza"

Attualità Rimini | 13:59 - 27 Gennaio 2020 Un frammento del flash mob di questa mattina al parco dedicato ai caduti nei lager Un frammento del flash mob di questa mattina al parco dedicato ai caduti nei lager.

I bambini di due classi quinte delle scuole "Ferrari" di Rimini hanno animato la giornata della memoria di lunedì mattina con un flash mob preparato assieme allo storico Daniele Susini e agli insegnanti. Punto nodale la cerimonia al parco ai caduti nei lager 1943-1945. Un momento molto sentito al quale hanno partecipato molte autorità, fra cui il prefetto Alessandra Camporota e la vicesindaca Gloria Lisi che ha voluto dedicare a Liliana Segre l'apertura della giornata. «Abbiamo avuto il grandissimo onore di averla ospite anche a Rimini e le sue parole e le sue testimonianze sono anche un appello al coraggio dell'oggi. Quelle che ho letto sono parole che vi riguardano direttamente perché parlano di scuola, quotidianità, violenze diverse e lontane ma anche così sottilmente simili a quelle che possono capitare anche oggi. Noi italiani abbiamo vissuto l’onta incancellabile delle leggi razziali fasciste e della conseguente persecuzione degli ebrei, abbiamo un dovere morale di ricordare, ma soprattutto di combattere ogni focolaio di odio, antisemitismo, razzismo, negazionismo, ovunque esso si annidi. E di rifiutare, come ammonisce spesso la senatrice Liliana Segre, l’indifferenza: un male tra i peggiori.
Il giorno della memoria non è soltanto una ricorrenza in cui si medita sopra una delle più grandi tragedie della storia, ma è un invito, costante e stringente, all’impegno e alla vigilanza. Dunque, "buon futuro, buona scuola e buona memoria».

Le commemorazioni per la giornata della Memoria proseguiranno lunedì sera alle 21 nel teatro degli Atti dove si assisterà alla proiezione del video “Sotto lo stesso cielo”, breve documentario realizzato dal Comune di Rimini girato lo scorso ottobre in Polonia durante il viaggio studio a Lublino-Majdanek, che ha coinvolto 48 studenti di tutti gli istituti secondari della città. Un appuntamento aperto alla cittadinanza, alla presenza delle autorità e degli studenti di tutte le scuole. A introdurre la proiezione saranno il prefetto, la vicesindaca e la responsabile dell'attività Educazione alla memoria Laura Fontana.
Alla proiezione seguirà lo spettacolo Shabbat Shalom. Canti e parole di vita del duo Gutman-Negri. Martedì alle 16 è prevista la presentazione del libro “Nonno Terremoto. Un bambino nel 1938” di Fulvia Alidori e Daniele Susini, primo albo illustrato sulle leggi razziali, alla presenza di Cesare Moisé Finzi e del rabbino Luciano Caro, a cui è ispirata la storia.