Martedý 18 Febbraio08:22:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La prima mountain bike: tipologie, fasce prezzo e come sceglierla

Il primo fattore da valutare attentamente nella scelta della prima mountain bike è quello del telaio

Attualità Nazionale | 10:58 - 24 Gennaio 2020 Mountain bike Mountain bike.

Stiamo andando incontro alla bella stagione, e la voglia di uscire all'aria aperta è in aumento. Farlo è possibile in molti modi, ma quello delle escursioni in mountain bike è sempre uno dei preferiti dalle persone. Tale tipologia di bicicletta però, è più complessa nella sua costruzione di quanto potrebbe apparire ad un primo sguardo, quindi scegliere la prima, richiede alcune valutazioni. Vediamo insieme come farlo sulla base delle tipologie e delle fasce prezzo.

Il telaio: le fondamenta della mountain bike.

Il primo fattore da valutare attentamente nella scelta della prima mountain bike è quello del telaio, che può essere considerato come le fondamenta. Quello dei modelli più economici è realizzato in acciaio. Tale materiale, seppur resistente, è particolarmente pesante, caratteristica controproducente su tracciati medio lunghi perché affatica il conducente più del dovuto. Alzando l'asticella del prezzo (ma non di molto), troviamo i telai realizzati in alluminio, decisamente più leggeri. 

Il peso è un fattore fondamentale nella scelta, da tenere in considerazione anche se si è soliti caricare frequentemente la bicicletta sui mezzi di trasporto. Una terza categoria di telai, è quella realizzata in fibra di carbonio, ma in questo caso sono solitamente indirizzati a coloro che utilizzano la mountain bike a livello agonistico.

Misure e sospensioni

A seconda dell'età del conducente e della sua altezza, le misure del telaio e delle coperture della mountain bike variano. Le prime sono espresse in pollici (24'', 26'' e così via), mentre la taglia del telaio può essere S, M, L, etc... Quando si acquista la prima bicicletta, è sempre opportuno che sia realmente su misura, perché una troppo piccola affatica inutilmente la pedalata, mentre una grande compromette la stabilità del conducente stesso.

In seconda battuta, troviamo il capitolo sospensioni, che contribuiscono a formare due famiglie di modelli:

Front. In questo caso parliamo di biciclette la cui forcella anteriore è in realtà una sospensione.
Full. Dette anche biammortizzate, montano sospensioni sia sul frontale che sul posteriore, aumentando di conseguenza il comfort sui terreni sconnessi.

Le sospensioni possono essere a molla, più economiche ma anche più pesanti e meno prestazionali, e ad aria. Nel secondo caso, tali ammortizzatori offrono una guida decisamente più fluida e permettono un maggior controllo. Da sottolineare anche come la seconda variante possa anche essere disattivata se la pedalata avviene su terreni asfaltati e non sconnessi. 

Mountain bike: tipologie

A seconda dell'utilizzo al quale sono destinate, quindi alla tipologia di conducente, possiamo trovare quattro macrofamiglie di mountain bike:

Cross Country. Sono le bicilette più economiche, solitamente Front, con telai realizzati in alluminio. Sui modelli entry-level, meglio evitare i tradizionali freni v-brake con i pattini, ma preferire quelli a disco con sistema idraulico, decisamente più performanti. Prezzi indicativi: dai 300 ai 1.000 euro.
Trail. Questa famiglia può essere sia front che full. I modelli che ne fanno parte montano coperture più larghe e con battistrada più profondi. In questo caso, ci troviamo di fronte a biciclette idonee a chi cerca qualcosa in più in termini di prestazioni e intende cominciare a "divertirsi seriamente". Prezzi indicativi: dagli 800 ai 2.000 euro.
Enduro. Le mountain bike enduro sono sempre full, e i telai possono essere realizzati sia in alluminio che in carbonio. Questi modelli offrono le prestazioni migliori soprattutto sulle discese con terreni accidentati, ma richiedono una certa esperienza nella regolazione delle componenti. In altre parole, sono sicuramente più impegnative. Prezzi indicativi: dai 2.000 ai 4.000 euro.
Downhill. I modelli di questa famiglia sono realizzati appositamente per le discese ripide con terreni molto sconnessi, ripidi, con pietre, sponde e salti. In questo caso le mountain bike sono destinate ad un'utenza esperta, quindi sconsigliate come primo acquisto.

In conclusione: come scegliere

In commercio esistono ottime mountain bike e prendendo le dovute precauzioni, ovvero documentandosi ed informandosi a dovere sulla componentistica, è possibile trovare il modello più idoneo alle proprie esigenze, perché una bicicletta troppo economica potrebbe risultare limitante, esattamente come una eccessivamente prestazionale potrebbe comportare una spesa inutile.