Marted́ 18 Febbraio21:06:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Strada provinciale Marecchiese nell’agenda di Governo, ministro De Micheli: ‘Progetto in due step’

Il ministro in visita in Valpharma: gli imprenditori chiedono una variante all’attuale tracciato

Attualità Rimini | 18:11 - 20 Gennaio 2020 La Strada provinciale Marecchiese La Strada provinciale Marecchiese.

Da oggi la precaria situazione viaria della Strada provinciale Marecchiese entra nell’agenda del Governo centrale, in particolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti guidato da Paola De Micheli che, in Valpharma International a Pennabilli, ha incontrato gli imprenditori e i sindaci del territorio. Il Ministro ha chiesto entro la prossima Primavera un piano di studi e proposte condiviso dai comuni della Valmarecchia.
 
Da ottobre, infatti, gli imprenditori della Valmarecchia hanno costituito il comitato ‘Una nuova strada per lo sviluppo’ chiedendo assieme ai cittadini e a tutti coloro che ogni giorno si spostano come pendolari lungo l’asse viario che collega Rimini con San Sepolcro, una variante all’attuale tracciato che garantisca sicurezza, tempi di percorrenza ridotti, minore impatto urbano in alcuni centri cittadini e uno sbocco diretto all’Autostrada con un possibile casello in zona Fiera a Rimini.


 
CORALE DISPONIBILITA’ DEI SINDACI DELLA VALMARECCHIA
Ad aprire il dibattito sono statigli imprenditori: Alessia Valducci CEO  di Valpharma Group e Vicepresidente territoriale Confindustria Rimini, Antonio Berloni di Indel, Alfeo Carli del Gruppo Carli, Daniele Sebastiani di Salcavi S.p.A. e Marco Mancini del Camping piscina da Quinto. Tra i portatori di interessi e attivamente attenti al territorio anche l’ente di formazione professionale, Fondazione Valmarecchia rappresentato dal presidente Fosco Cieli. Corale la disponibilità dei sindaci della Valmarecchia, rappresentati da Alice Parma di Santarcangelo, Leonardo Bindi di San Leo, Marcello Fattori di Maiolo, Pasquale Novelli di Talamello, Ronny Raggini di Poggio Torriana, Stefania Sabba di Verucchio, Fabiano Tonielli di Casteldelci e Stefano Zanchini di Novafeltria.  Con loro anche i consiglieri regionali Piergiorgio Pruccoli, Nadia Rossi, il segretario provinciale Pd di Rimini Filippo Sacchetti e Alessandro Belluzzi, responsabile al turismo della segreteria regionale. 
 
“Siamo la settima potenzia mondiale non possiamo sottovalutare il ruolo delle piccole infrastrutture utili a mantenere viva la competitività del Paese – ha dichiarato il Ministro Paola De Micheli -. Cominciamo un percorso a tappe serrate che porti entro primavera ad un progetto chiaro e condiviso. Lo sforzo che stiamo provando a fare è quello di inserire nel piano di lavoro ministeriale la richiesta istituzionale di intervento redatta dagli enti locali territoriali, nella quale evidenziare le problematiche legate alla sicurezza stradale, tempi di percorrenza, eventuali vincoli ambientali e proposte di miglioramento. Presentateci i calcoli di flussi veicolari, incidentalità e gli studi di fattibilità esistenti e svolti negli ultimi 10 anni. Percorrendo la strada mi sono resa conto che sia evidente il problema di dimensioni della sede stradale, anche fuori dai centri abitati, della pericolosità del tracciato e di importante afflusso veicolare. Possiamo pensare a un progetto di sviluppo in due step: il primo mirato alle esigenze dell’alta vallata, il secondo a quelle della parte bassa che necessita di uno sbocco autostradale. Per valutare e risolvere le questioni emerse sarà a disposizione tecnici della mia segreteria. Interlocuzione con le istituzioni da regione alla provincia e comuni.  Non sono preoccupata per le risorse, fatte le opportune valutazioni saremo in grado di intervenire prontamente. Proprio due mesi fa ho firmato il decreto che sposta la competenza sulla gestione della Marecchiese dalla Provincia ad Anas.”