Giovedý 27 Febbraio17:59:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio RSM, attacchi arrugginiti: la spuntano Tre Fiori e Libertas

Successi rispettivamente su Murata e Cailungo. Pari tra Folgore e Tre Penne (0-0)

Sport Rimini | 18:49 - 18 Gennaio 2020 Il  Tre Fiori (Foto FSGC) Il Tre Fiori (Foto FSGC).

Non sarà un turno di campionato che ricorderemo per il gran numero di gol che sovente caratterizzano le sfide nostrane. Vuoi per la comprensibile ruggine che i protagonisti in campo si portano dietro dai carichi di lavoro sostenuti durante la sosta, vuoi per l’equilibrio di incontri che il format inaugurato l’anno passato garantisce, sono solo quattro le reti messe a segno in giornata, appena una nel corso dei primi tempi. Cinque formazioni su otto sono rimaste a secco e solo il Tre Fiori ha gonfiato il sacco avversario due volte.

Ed insieme alla Libertas, i gialloblu sono gli unici ad aver vinto d’anticipo. Ancora decisiva la coppia d’attaccanti che ha trascinato la formazione di Cecchetti anche ai successi della passata stagione: Andrea Compagno (dal dischetto, ndr) e Joel Apezteguia hanno infatti griffato la vittoria in rimonta del Tre Fiori che - in virtù del pareggio a reti bianche di Acquaviva tra Virtus e La Fiorita -, aggancia in vetta proprio i vice campioni di San Marino. Lo fa superano un Murata ostico, passato a condurre in avvio di ripresa col solito gol di Eric Fedeli: il capocannoniere del torneo tocca quota 11 gol in 9 partite di regular season.

Continuità impressionante nel trovare la porta, ma che non porta in doti punti al Murata in un Q1 fatto sinora solo di sconfitte; trend invertito proprio oggi dalla Virtus. La formazione dell’ex Bizzotto contraddice i pronostici della vigilia, tenendo a freno l’attacco de La Fiorita - al lavoro sul mercato per rinforzare il reparto avanzato - e guadagnando così il suo primo punto nella Seconda Fase.

Reti inviolate anche a Montecchio, dove erano alte le aspettative per il confronto tra Folgore e Tre Penne che hanno segnato il ritorno in territorio di più d’un nazionale sammarinese che aveva iniziato la stagione in Romagna. È il caso di Mattia Giardi (Folgore), Alex Gasperoni e Mirko Palazzi (Tre Penne): in campo tutti e tre per l’intera durata dell’incontro, non sono riusciti ad incidere sul punteggio, al pari dei compagni. Incontro che - specie nella ripresa - è stato costellato da diversi errori in fase di palleggio e trasmissione della palla, fondamentali nei quali le squadre di Ceci e Lepri si erano sinora distinti in senso opposto.

A trarre beneficio dai risultati maturati a Montecchio ed Acquaviva è certo la Libertas, capace di imporsi di misura nel derby del Castello di Borgo Maggiore. Per piegare la resistenza di un Cailungo al solito ben messo in campo e piuttosto combattivo, è stato l’acuto di Gaiani a ridosso dell’intervallo. Rossoverdi che nel finale perdono le staffe e chiudono in nove uomini per via delle espulsioni di Oliva e Ura.