Giovedý 20 Febbraio11:55:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Chef giramondo e anima rock, lo stile e la verve di Roberto Pezzuol approdano in televisione

Il cuoco bellunese naturalizzato riminese è in onda su GRP3 con la sua web serie "Cucina Riviera"

Attualità Rimini | 07:21 - 19 Gennaio 2020 Roberto Pezzuol Roberto Pezzuol.

di Francesca Valente

​​​​​​Lo avevamo già conosciuto per essere diventato protagonista di “Cucina Riviera”, un format in pillole web per insegnare agli appassionati di cucina casalinga semplici trucchi per dare colore e sapore di tradizione e innovazione a piatti apparentemente noti ma nella sostanza rivisitati. Roberto Pezzuol, 46 anni di Val di Zoldo (comune della provincia di Belluno), vive e lavora a Rimini da 26 anni, anche se per molte stagioni ha girato in varie parti del mondo, perché aveva capito fin da giovanissimo che senza contaminazione non c'è novità.

Una volta arrivato a Rimini a 21 anni nel 1994 «perché andava di moda e tutti venivano qui per lavorare», ha cominciato a fare esperienza in due realtà ancora molto conosciute e stimate, «la Lella che mi ha insegnato a fare la piadina romangola e Fornarina, dove ho perfezionato l’arte della panificazione». Ma c’è stata anche la gavetta da Carlo’s quando ancora c’era lo storico proprietario, oltre che nella cucina dell’hotel Villa Lalla.

La persona che più ha influenzato il suo stile culinario è stato proprio lo chef Bruno Barbieri, conosciuto in una fiera di settore. «All’epoca mi ricordo che era già abbastanza famoso, da lui ho preso la voglia di girare il mondo per mettere un pizzico di quel che imparavo in tutti i miei piatti», nei quali si può trovare sempre un mix equilibrato di tradizione e creatività. «Il mio tipo di cucina di fondo ha la sua impronta». C’è però una cosa che lo distingue da molti chef del calibro di Barbieri: «Io non voglio le stelle Michelin, non mi servono, io le mie stelle le ottengo quando vedo i miei clienti uscire felici e soddisfatti per quel che hanno mangiato e quel che hanno pagato». Anche per questo ha deciso di far suo il soprannome di “chef rock”, un appellativo che condivide con il più rinomato Alessandro Borghese, pur portando i capelli lunghi fino al mento e giovando spesso con le corde della chitarra. «Mentre sbatto le corde - perché non sa suonare, ndr - mi viene in mente una ricetta e la scrivo. Sono molto appassionato di rick anni Settanta e Ottanta, pensa che mi stavo per perdere il mio matrimonio perché quel giorno avevo il concerto dei Saxon» ironizza ricordando con emozione quell'inizio ottobre del 2018. «Il rock mi tranquillizza e mi permette di fermarmi, di uscire dalla frenesia in cui sono immerso tutto il giorno. Diventa uno dei pochi momenti in cui riesco a pensare a piatti e abbinamenti nuovi».

Pezzuol anche per scelta non ha messo su un ristorante ma sogna di aprire «un bistrò, con pochi tavoli e la possibilità di compare i miei prodotti e panificati della linea "028 al quadrato"», anche se presto lo ritroveremo in cucina: il 5 febbraio inizierà a spadellare per la nuova gestione de “La Magnuga”, ristorante in via Cairoli nel pieno centro di Rimini.

Nel frattempo "Cucina Riviera" sta andando in onda su GRP3 (canale 218 del digitale terreste) con la conduzione di Barbara Morris Piazza: pillole di cucina semplice, gustosa e con elementi di ricercatezza accessibili però a tutti. E non è che detto che presto diventeranno ancora più virali proprio grazie al piccolo schermo.