Sabato 11 Luglio10:15:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuova stazione ferroviaria di Cattolica, Confcommercio: "servono collegamenti diretti con Rimini Fiera"

Per il presidente Badioli, bisogna anche pensare a collegamenti con l'aeroporto Fellini

Attualità Cattolica | 13:41 - 16 Gennaio 2020 Giacomo Badioli Giacomo Badioli.

Giacomo Badioli, presidente della Confcommercio di Cattolica, interviene sull'accordo siglato dall'amministrazione comunale cattolichina con Ferrovie dello Stato. 
“Connettersi a un sistema di mobilità integrato e sostenibile, ferro, gomma, aria, è un necessità essenziale per ogni città. Lo è ancora di più per un luogo a forte vocazione turistica quale Cattolica. La raggiungibilità, cioè la possibilità per i visitatori o dei cittadini, di muoversi in unica soluzione di continuità dal luogo di partenza a quello di arrivo, è il requisito base per essere competitivi all’interno di un modo ormai globale e interconnesso. L’accordo siglato ieri dal sindaco Mariano Gennari con FS è un passo positivo in questa direzione. Avremo un stazione ferroviaria rinnovata e più bella. Il luogo diventerà un hub cittadino con nuovi parcheggi, accessi da lato mare e fronte interno urbano. Il miglioramento è evidente e come Confcommercio offriamo al nostra disponibilità all’elaborazione e realizzazione di progetti che vadano in questa direzione. Abbiamo bisogno di collegamenti diretti con i grandi eventi fieristici Ieg, dobbiamo pensarne di nuovi con l’aeroporto Fellini di Rimini e valutare il modo migliore su come connettersi con i nuovo mezzi di trasporto di costa. Compito di imprenditori, cittadini e associazioni di categoria è però anche quello di impegnarsi a rinnovare il nostro prodotto turistico e renderlo competitivo sul mercato nazionale e internazionale. In quest’ottica, il progetto lanciato dal comitato di imprenditori e esercenti “Fronte del Porto”, per la creazione di un centro commerciale naturale a disposizione di cittadini e turisti e a cui ha offerto la sua collaborazione anche l’amministrazione comunale, è un chiaro esempio delle sfide che tutta Cattolica deve oggi affrontare”.