Martedý 31 Marzo15:54:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuova scuola elementare Montessori a Rimini, montate le pareti esterne

La struttura dal prossimo anno scolastico potrà ospitare gli studenti

Attualità Rimini | 12:14 - 15 Gennaio 2020 Lavori in corso nella nuova scuola Montessori Lavori in corso nella nuova scuola Montessori.

Inizia a prendere forma la nuova scuola elementare Montessori. Con il montaggio delle pareti esterne ed interne della struttura, che con una scelta radicale sta sostituendo l’attuale plesso scolastico, inizia ad intravvedersi la struttura che, nel nuovo spazio di 6.400 mq di via Cuneo, potrà ospitare già nel prossimo anno scolastico gli studenti consegnandogli una nuova scuola sicura, efficiente nei servizi, pensata come edificio strategico in caso di sisma.

Il progetto prevede infatti, accanto al blocco principale costituito da due piani fuori terra in cui troveranno collocazione l’atrio di ingresso, le dieci aule (cinque per piano) orientate a sud est e affacciate sull’ampio giardino interno ed i relativi laboratori e attività collettive, come mensa, biblioteca, sala insegnanti e servizi igienici, quello secondario, costituito da un piano fuori terra in cui troveranno collocazione la palestra di circa 200 mq. oltre ai locali spogliatoio, deposito, infermeria e altri servizi.

Nelle prossime settimane, dopo il completamento del solaio del primo piano si procederà con il montaggio delle pareti del piano superiore e alla realizzazione della copertura per poi passare alla messa in opera di tutta l’impiantistica elettrica e termoidraulica.

La nuova “Montessori”, che ha un costo di 2.700.000 euro, cofinanziato al 50% dal MIUR, per la scelta di materiali e arredi naturali riciclabili e innovativi è una scuola ecologica a tutto tondo, capace di ospitare i ragazzi in un ambiente sano e sostenibile e contribuire al tempo stesso alla formazione di cittadini rispettosi della natura e attenti alla tutela dell’ambiente. Una scuola ad energia ‘quasi zero’ (nearly zero Energy building), capace cioè non solo di consumare pochissima energia dando un contributo significativo per il risparmio energetico e la protezione del clima, ma anche un buon investimento per l’amministrazione pubblica e l’intera collettività sui costi.