Lunedý 20 Gennaio18:13:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: arresto Lolli, Riesame respinge ricorso difesa

Mercoledì nuovo interrogatorio con il pm riminese Davide Ercolani, titolare dell'inchiesta sulla maxi truffa di yacht

Attualità Rimini | 15:23 - 13 Gennaio 2020 Giulio Lolli Giulio Lolli.

Il tribunale del Riesame ha respinto il ricorso presentato dall'avvocato difensore di Giulio Lolli, l'ex titolare della Rimini Yacht di recente estradato dalla Libia, contro l'ordinanza di custodia cautelare del gip di Roma che lo accusa di terrorismo. L'avvocato Antonio Petroncini aveva impugnato l'ordinanza, per conto del suo assistito, sostenendo l'assenza di indizi di colpevolezza. Per la difesa, Lolli non ha mai fatto parte dell'organizzazione dei Thuwar di Bengasi, come gli viene contestato dal giudice, ma dei Thuwar di Tripoli per i quali "si era occupato con la sua barca di svolgere alcuni servizi in mare", spiega Petroncini all'Ansa. All’accusa di 'terrorismo' che a Tripoli gli era costata una condanna all’ergastolo e l’espulsione dal Paese nordafricano, Lolli "risponde quello che ha sempre risposto, che è un'accusa assolutamente infondata. Di lui si può dire di tutto ma non che sia un terrorista", aggiunge il legale. Mercoledì è previsto un nuovo interrogatorio presso il carcere Regina Coeli di Roma con il pm riminese Davide Ercolani, titolare dell'inchiesta sulla maxi-truffa di yacht. Su questo fronte "Lolli non ha mai negato di avere alcune responsabilità - precisa il suo avvocato - Non tutte le accuse mosse a suo carico sono fondate ed è giusto che si faccia una cernita accurata". Nei giorni successivi all'interrogatorio avverrà il trasferimento di Lolli presso il carcere di Nuoro.