Venerd́ 03 Aprile10:48:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ponte Verucchio, associazioni ambientaliste: "togliere gli sbarramenti nell'alveo del fiume Marecchia"

In una lettera aperta sono chiesti lavori urgenti per il ripristino della viabilità

Attualità Verucchio | 15:32 - 10 Gennaio 2020 Tecnici della Provincia di Rimini al lavoro al Ponte Verucchio Tecnici della Provincia di Rimini al lavoro al Ponte Verucchio.

Un appello delle associazioni ambientaliste riminesi al presidente della Provincia Santi e a tutte le autorità interessate, affinché vengano disposti urgenti e prioritari lavori per il ripristino della viabilità tra i due lati della valle, dopo la chiusura del Ponte Verucchio. Lo fanno con una lettera aperta, nella quale invitano "a valutare con attenzione le considerazioni e richieste avanzate ed a coinvolgere nella ricerca e progettazione degli interventi più idonei il Tavolo tecnico del Contratto di fiume Marecchia e le Strutture tecniche regionali" e nella quale "chiedono al presidente Santi un incontro urgente per un confronto sulle soluzioni che si stanno definendo per i problemi idraulici ed ambientali del fiume Marecchia". In particolare le associazioni chiedono la progressiva rimozione degli sbarramenti che, assieme agli interventi di escavazione, regimentazione e modifica dell'alveo del fiume Marecchia, "hanno prodotto decrementi demografici ed estinzioni di molte specie ittiche": questo è possibile, spiegano, "attraverso semplici e ormai conosciute tecniche di ingegneria naturalistica in grado di coniugare le esigenze ecologiche e biologiche del corso d'acqua con le necessità di difesa del territorio".  In merito agli interventi di ripristino della briglia a valle, le associazioni scrivono: "La realizzazione della vecchia briglia oltre 30 anni fa, da parte del Consorzio di Bonifica, ha finito per aggravare - secondo autorevoli pareri - una situazione già gravissima, determinata dalle escavazioni in alveo degli anni 70/80. Il risultato è stato infatti un accumulo di depositi solidi a monte, ma l’assottigliamento a valle del materasso alluvionale, con progressiva incisione dell’alveo".

Le associazioni ambientaliste firmatarie: Anpana RImini, dnA Rimini, Fare Ambiente, Fondazione Cetacea, Italia Nostra Rimini, Legambiente Valmarecchia, L’Umana Dimora, WWF Rimini