Lunedý 06 Aprile14:00:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: arriva una bolletta da 11 mila euro, Enel vuole i soldi. Lui fa causa e vince

Enel Società Elettrica Nazionale dovrà pagare 1500 euro alla controparte per temerarietà della lite

Attualità Rimini | 07:15 - 12 Gennaio 2020 Contatori energia elettrica Contatori energia elettrica.

Ha vinto la sua battaglia legale, contro Enel - Servizio Elettrico Nazionale, il rappresentante legale di una società immobiliare di Rimini che si era visto recapitare un'ingiunzione di pagamento per circa 11.000 euro, relativamente alla fornitura di energia elettrica, per l'anno 2014, in un capannone dato in locazione a un'altra azienda. Enel - Servizio Elettrico Nazionale dovrà pagare 1500 euro alla controparte, rappresentata dall'avvocato Alvaro Rinaldi, per temerarietà della lite. Il giudice in sede civile ha infatti revocato il decreto ingiuntivo emesso a carico della società immobiliare di Rimini e dato ragione al legale rappresentante della stessa, che ha sempre lamentato il mancato invio delle bollette ed evidenziato di non aver mai firmato alcun contratto. I legali di Enel-Servizio Elettrico Nazionale hanno prodotto in giudizio delle fatture a uso interno, quelle relative alle bollette per l'anno 2014 recapitate a un indirizzo diverso da quello effettivo (per questo il legale rappresentante ne fu all'oscuro), ma l'indirizzo che risultava dagli elenchi di E-distribuzione, proprietaria dei contatori di energia elettrica. Tuttavia la controparte ha prodotto fatture risalenti al 2009, della precedente ditta incaricata della somministrazione di energia elettrica in quel capannone: l'indirizzo della sede legale era corrispondente a quello reale, quindi i dati in archivio di E-distribuzione erano evidentemente corretti.