Lunedý 21 Settembre08:16:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Gestione gratuita dell'area ferroviaria di Rimini Marina, la coop Cento Fiori corregge il Comune

Non c'è mai stata nessuna assegnazione negli anni Settanta, quando l'organismo ancora non esisteva

Attualità Rimini | 16:52 - 30 Dicembre 2019 Lo stabile ferroviario di Rimini Marina Lo stabile ferroviario di Rimini Marina.

Riceviamo e pubblichiamo la precisazione e rettifica della cooperativa Cento Fiori di Rimini relativa al comunicato stampa "La vecchia stazione Rimini Marina diventa spazio verde e culturale della città: la Giunta comunale approva il progetto “Fiori e tragitti”, diramato dal Comune di Rimini il 23 dicembre alle ore 12,19 e ripreso da numerose testate locali.

Si legge una inesattezza che riguarda la cooperativa Sociale Cento Fiori: non corrisponde a verità che lo spazio sarebbe stato dato in gestione alla coop negli anni Settanta a titolo gratuito. La Cento Fiori infatti non ha mai avuto in concessione l’area. Inoltre alla data citata dal comunicato nemmeno esisteva: siamo nati nel decennio successivo, nel 1981. L’area suddetta viene gestita da un’altra cooperativa sociale, una onlus molto ben conosciuta in tutta la città per la sua valente attività. Lo precisiamo anche per non generare confusione: anche noi abbiamo una serra florovivaistica, ma in tutt’altra parte della città. La coltivazione di piante è infatti uno dei settori nati per coadiuvare i percorsi terapeutici di trattamento delle dipendenze dei pazienti nelle nostre strutture quali la Comunità Terapeutica e il Centro di Osservazione e diagnosi di Vallecchio e il Centro diurno di Rimini. Oltre a servire per il reinserimento lavorativo di persone svantaggiate, altro importante obbiettivo della nostra cooperativa sociale.

Ci rendiamo conto che l’attività svolta dalla cooperativa sociale che gestisce quell’area e il nostro nome possono aver creato i presupposti per l’equivoco nella fonte del comunicato. Così come ci rendiamo conto che non è materialmente possibile verificare ogni singola riga dei numerosissimi comunicati che giungono ogni giorno nelle redazioni, sopratutto se giungono da fonti istituzionali.