Marted́ 29 Settembre15:47:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, due latitanti e un pusher con 70 grammi di hashish rintracciati in treno: arrestati

Nell’ultimo week-end non solo arresti, la Polfer recupera un violino dimenticato in treno

Cronaca Rimini | 14:48 - 30 Dicembre 2019 Agenti della Polfer Agenti della Polfer.

Tre persone arrestate, di cui due latitanti, oltre 3.500 persone identificate, di cui 17 denunciate in stato di libertà per vari reati; 1 minorenne rintracciato, 77 veicoli controllati e 21 sanzioni amministrative elevate.
Questi i risultati dei servizi di controllo operati dalla Polizia Ferroviaria dell’Emilia Romagna nella settimana appena trascorsa, coincidente con l’esodo per le Festività Natalizie, durante la quale circa 700 agenti, sia in uniforme che in abiti civili,  hanno vigilato sulla sicurezza dei viaggiatori presenti nelle principali stazioni ed a bordo dei convogli.

GLI ARRESTI
In particolare, nel pomeriggio di sabato 28 dicembre, personale della Polizia di Stato in servizio presso la Sezione Polizia Ferroviaria di Rimini ed Agenti del Settore Operativo Bologna Centrale impegnati di scorta su un treno IC 609, in due distinte operazioni hanno rintracciato e tratto in arresto un siriano di 41 anni e un albanese di 37 anni, il primo destinatario di un  ordine di carcerazione per cumulo di pene relative a diversi reati per le quali deve  scontare 2 anni ed 8 mesi di reclusione, e il secondo destinatario di un provvedimento di ripristino della carcerazione per stupefacenti.
Nella giornata di lunedì invece, durante l’operazione straordinaria di controllo a viaggiatori e bagagli denominata Stazioni Sicure, coordinata a livello nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria del Ministero dell’Interno, gli agenti della Polizia Ferroviaria in servizio presso il Settore Operativo di Bologna Centrale, grazie all’Unità Cinofila della Guardia di Finanza hanno individuato e tratto in arresto un tunisino di 39 anni, controllato è stato trovato in possesso di 70 grammi di hashish.

UNA STORIA A LIETO FINE
Non solo crimini fortunatamente:  il personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Rimini ha recuperato infatti un prezioso violino del valore di decine di migliaia di euro, dimenticato a bordo di un treno dalla proprietaria, che ha espresso grande apprezzamento per la solerte  attività svolta dagli operatori.