Domenica 20 Settembre16:59:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Giornata della pace: le solenne celebrazioni in Chiesa a Pennabilli e San Marino

Il vescovo Andrea Turazzi consegnerà alle autorità politiche un messaggio di Papa Francesco

Attualità Pennabilli | 18:34 - 29 Dicembre 2019 Il Vescovo Andrea Turazzi Il Vescovo Andrea Turazzi.

Il prossimo 1 gennaio non sarà solo il primo giorno del nuovo anno civile, ma segnerà anche l’inizio di un nuovo decennio, il terzo di questo nuovo millennio, un “tempo” sicuramente carico di sfide per l’umanità intera, non ultima quella ecologica, fatta di scelte, sia politiche sia individuali, non più rinviabili, se vogliamo lasciare ai nostri figli e alle future generazioni un pianeta ancora vivibile.

In questa giornata la Chiesa vuole richiamare l' attenzione sia sul Mistero della Divina Maternità, con la solennità di Maria Santissima Madre di Dio, sia sul tema della pace, quale valore universale ed irrinunciabile, nonostante un pianeta ancora dilaniato da decine e decine di guerre, che non fanno nemmeno notizia.

A prima vista potrebbero apparire tematiche fra loro distanti ma a ben guardare non è così. Infatti, se da un lato Maria è Regina della Pace, come testimoniano anche le sue miracolose Apparizioni, dall’altro lato, come ci ricorda il Santo Padre nel suo Messaggio per la Giornata mondiale per la pace, “non può esistere pace senza una vera conversione ecologica”.

Ed è proprio il messaggio di Papa Francesco che il Vescovo Andrea Turazzi, consegnerà alle autorità politiche presenti durante le solenni celebrazioni del prossimo 1° gennaio:
- la prima, alle ore 12.00, nella Basilica del Santo, Pieve di San Marino, alla presenza degli Ecc.mi Capitani Reggenti;
- la seconda, alle ore 17.00, nel Santuario Beata Vergine delle Grazie a Pennabilli.

Il Vescovo Turazzi è lieto di invitare tutta la comunità cristiana e civile a raccogliersi durante le celebrazioni del primo gennaio per meditare sul Mistero della Divina Maternità ma anche per riflettere sulle parole di Papa Francesco, nel messaggio per la Giornata mondiale per la Pace.