Venerdý 25 Settembre18:39:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Liberi dalle dipendenze: la Papa Giovanni celebra Festa del Riconoscimento per 96 ragazzi

Giovedì 26 dicembre 35esimo appuntamento: la storia di Simone schiavo degli stupefacenti dall'età di 14 anni

Attualità Rimini | 06:38 - 24 Dicembre 2019 Partecipanti alla festa del Riconoscimento Partecipanti alla festa del Riconoscimento.

La Comunità Papa Giovanni XXIII si riunirà a Rimini il 26 dicembre per la Festa del Riconoscimento: una liturgia speciale celebrerà, il giorno di Santo Stefano, la rinascita dei 96 ragazzi (80 dall'Italia e 16 dall'estero) che nel 2019 hanno concluso il programma terapeutico per vincere le dipendenze. È una tradizione che quest’anno compie 35 anni: la prima messa del riconoscimento fu celebrata da don Orenze Benzi nel lontano 1984, con i primi 7 ragazzi liberati dalla droga.
 
Fra le persone che hanno concluso il percorso terapeutico nel 2019 c’è Simone (nome di fantasia); il padre imprenditore lo aveva fatto arrestare pur di costringerlo a prendere distanza dalla trappola della cocaina. A Rimini sarà disponibile a raccontare la propria storia, fra gli altri, Matteo Trivilino di Bologna: «Ho fatto il primo uso di sostanze, iniziando con i cannabinoidi, all’età di 14 anni. Poi sono passato alle droghe chimiche e all’eroina. Oggi ho 34 anni, ma se devo riguardare indietro alla mia vita mi rendo conto che il mio disagio interiore risale a quando avevo 5 o 6 anni».
 
L’appuntamento è alle 11 nella chiesa della Resurrezione che fu di don Benzi, a Rimini in via della Gazzella 48; la liturgia sarà guidata dal Vescovo Mons. Francesco Lambiasi; seguiranno momenti di festa.
Il cammino di recupero nella Comunità Papa Giovanni XXIII mira a valorizzare pienamente la persona, che accettando il programma viene sin da subito inserita in un contesto di tipo familiare. Il percorso dura in media 3 anni ed è costituito da 3 fasi: l’accoglienza, la comunità, il rientro. Al termine dell’ultima fase, quella del rientro alla vita sociale, la persona riceve il riconoscimento: è il punto di partenza di una nuova vita, una rinascita che non è solo per il singolo ma per la sua famiglia e per tutta la Comunità.