Marted́ 22 Settembre13:16:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione, approvato piano triennale lavori pubblici: un milione e mezzo di euro per la manutenzione stradale

Tra le opere i lavori alla scuola panoramica e la sistemazione del sintetico dello stadio Nicoletti

Attualità Riccione | 20:40 - 20 Dicembre 2019 Scorcio di piazza Roma di Riccione Scorcio di piazza Roma di Riccione.

Il piano triennale dei Lavori Pubblici e la sua immediata eseguibilità sono stati approvati ieri sera, 19 dicembre 2019, dal Consiglio Comunale di Riccione con 13 voti favorevoli, 7 voti contrari e nessun astenuto, approvato a maggioranza anche il Regolamento che disciplina il contrasto all’evasione dei Tributi e ovviamente la sua immediata applicabilità. Approvato anche il Documento di Bilancio e programmazione finanziaria 2020- 2022 del Comune di Riccione e la sua immediata eseguibilità (13 voti favorevoli, 7 contrari, nessun astenuto). Bocciati tutti gli emendamenti proposti da Pd e Riccione Civica. 

Il piano Triennale dei lavori pubblici è stato illustrato dall’assessore Lea Ermeti che ha prima ricordato come grandi opere di edilizia scolastica siano già partite e in corso per cui non previste nel programma 2020. Tra le opere ricordate ieri sera in Consiglio comunale tese ad una maggiore sicurezza, salubrità e innovazione architettonica sempre più ecosostenibile per le attività didattiche e sportive, i lavori alla Scuola Panoramica, già eseguita la demolizione per procedere alla creazione di due nuovi cicli scolastici e l’ampliamento della scuola elementare di via Capri con la creazione della palestra e 10 nuove aule. Terminata e inaugurata la palestra di via Alghero, mentre per la scuola di via Catullo siamo in fase di affidamento. Importanti anche i lavori terminati alla scuola di Riccione Paese per la riqualificazione sismica ed architettonica. Non sono presenti nel Triennale 2020-2022 perché in corso d’opera il primo stralcio del lungomare Goethe, la riqualificazione di viale Tasso, lavori di fognatura in via Monti. I primi di gennaio inizieranno i lavori per il  prolungamento della pista ciclabile di via Veneto, da via Sondrio a via Coriano e da via Bergamo a via San Lorenzo. Infine a gennaio inizierà la demolizione della porzione di fabbricato della Ferrovia dello Stato, secondo stralcio di lavori più ampi eseguiti dalle Ferrovie dello Stato con lo spostamento della sottostazione, che poi proseguiranno con il prolungamento di viale 19 Ottobre. 

Dal terzo stralcio di questa opera di riqualificazione parte appunto il Piano Triennale 2020-2022. Il Comune di Riccione stanzia 3.800.000 euro per la Riqualificazione delle infrastrutture. Grande attenzione al sistema viario, ai marciapiedi alle alberature e agli impianti di illuminazione pubblica. Stanziati 1.500.000 euro per la manutenzione stradale, al quale quest’anno viene affiancato un finanziamento extra derivante dalla tassa di soggiorno di 2.300.000 euro. Per un totale di 3.800.000 dedicati esclusivamente alla manutenzione stradale, alla riqualificazione dei marciapiedi e alla riqualificazione dei quartieri (800.000 euro). Particolare attenzione verrà data al rifacimento e alla creazione di marciapiedi dove attualmente non sussistono, all’illuminazione con la sostituzione di lampade a Led, il verde e l’arredo urbano. Già terminata la riqualificazione del quartiere di Raibano, che oggi si presenta con un volto completamente nuovo.

Tra le opere di riqualificazione degli impianti sportivi riccionesi particolare impronta avrà quello dell’impianto Nicoletti finanziato in parte grazie alla partecipazione di un bando Sport e Periferie che vede la riqualificazione del campo da calcio sintetico della pista d’atletica e il completamento della copertura della piscina comunale. 

“Riqualificare i quartieri vuol dire dare ai cittadini le risposte che attendono”, ha commentato l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Riccione, Lea Ermeti. “I cittadini si attendono da noi la messa in sicurezza dei marciapiedi con il rifacimento delle strade, l’abbattimento delle barriere architettoniche, nuovi spazi verdi e un’illuminazione meno cara e più eco sostenibile come quella al Led che sostituirà tutte lampade datate. Abbiamo in programma di fare tutto ciò per cui utilizzeremo per queste opere gran parte degli introiti derivanti dalla tassa di soggiorno”.

“Grande attenzione abbiamo riservato - ha aggiunto l’assessore - alla creazione di nuove piste ciclabili e alla ricucitura di quelle esistenti. Perché è importante creare un circuito di mobilità lenta dedicato e quindi sicuro, che permetta di raggiungere tutti i punti strategici della città a partire dalle scuole, ai parchi urbani e ai centri sportivi”. 

Chiosa l'assessore: "Tra le grandi opere il masterplan del Porto, progetto molto ambizioso per il quale abbiamo già una proposta di progetto che vuole trasformare l’area portuale in una fruibile piazza cittadina di qualità architettonica elevata con una visione avveniristica. Per noi è molto importante la condivisione con la città, per cui appena i tempi tecnici lo permetteranno il progetto verrà presentato pubblicamente”.