Venerd́ 18 Settembre22:52:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuovo lungomare da Torre Pedrera a Rivabella, inizio dei lavori il 23 gennaio

Una passeggiata di 6,3 chilometri, percorsi pedonali e ciclabili, spazi di aggregazione, nuovi arredi

Attualità Rimini | 14:20 - 20 Dicembre 2019 Rendering del Parco del Mare. Rendering del Parco del Mare..

Lungomare, viabilità e piano di salvaguardia della balneazione: l'amministrazione comunale di Rimini annuncia che il 2020 sarà "l'anno decisivo per il rilancio di tutta l'area nord della città ,attesa da una serie di importanti interventi di riqualificazione urbana e ambientale che nel giro di dodici mesi rivoluzioneranno il volto e l'accessibilità di uno strategico quadrante di città". Sono 25 i milioni di euro investiti: il 23 gennaio inizieranno i lavori al parco del Mare nord, per la riqualificazione dei lungomari da Torre Pedrera a Rivabella, parte dell'insieme di progetti sinergici previsti dal Bando delle periferie. "Un intervento per la riqualificazione urbana e ambientale e il recupero delle vocazioni identitarie dei luoghi dell'area turistica di Rimini nord dal valore stimato in quasi 12 milioni di euro", evidenzia l'amministrazione comunale.


Il dettaglio dei lavori


Quattro i lotti: lungomare Torre Pedrera da via Tolemaide a viale Lago Rodolfo; lungomare Viserbella da viale Lago Rodolfo a viale Genghini; lungomare Viserba da viale Genghini a viale Montegrappa; lungomare Rivabella da viale Livenza a viale Adige. Nel dettaglio sarà creata una passeggiata continua di 6,3 km, saranno inseriti percorsi pedonali e ciclabili, saranno creati spazi di aggregazione, saranno installati nuovi arredi e illuminazione. Entro metà gennaio si procederà dunque all'assegnazione definitiva dei lavori dei quattro lotti, in tempo utile per partire con le opere il 23 gennaio, all'indomani cioè della chiusura del Sigep ed evitando così la sovrapposizione tra il cantiere e uno degli appuntamenti di maggior affluenza dell'expo riminese. Gli interventi avanzeranno in contemporanea sulle quattro zone, procedendo a step in modo da limitare i disagi per residenti e operatori: tutti i dettagli sul cronoprogramma e le modalità di intervento saranno rese note ai cittadini in apposite assemblee pubbliche, la prima delle quali è prevista per il prossimo 30 dicembre.


Potenziamento dell'asse viario Mazzini-Caprara-Serpieri-Domeniconi


Accanto alla riqualificazione dei lungomari, e parte del programma previsto dal Bando delle periferie, prosegue l'intervento che prevede il potenziamento dell'asse viario Mazzini, Caprara, Serpieri e Domeniconi, per un investimento complessivo di circa 5 milioni e mezzo finanziato con fondi Fsc e che si concluderà entro l'inizio della prossima estate. L'intervento rappresenta il completamento di quanto già realizzato su via Diredaua nel tratto tra via Marada e via Tolemaide, e consentirà di portare a termine il riassetto del sistema del traffico dell'area nord del territorio di Rimini, in particolare snellendo i flussi di traffico, particolarmente intensi durante i periodi estivi e in prossimità del "Centro Studi" di Viserba, sgravando l'asse di prima linea davanti alla spiaggia. Sempre sul fronte dell'accessibilità, i lavori del bando periferie comprendono anche la realizzazione del sottopasso carrabile e ciclopedonale a Viserba, investimento di 9 milioni complessivi per 5,5 milioni in carico a Rfi. L'amministrazione comunale ricorda che i 25 milioni investiti per questo intervento "si intrecciano e si integrano con i lavori per oltre 16 milioni del Piano di salvaguardia della balneazione, che si prefigge come obiettivo il completamento del processo di separazione delle reti fognarie nella zona nord di Rimini. Gli interventi in corso, e che proseguiranno per tutto il 2020, interessano l'area tra Torre Pedrera e Viserbella, dove ricadono i  bacini Brancona e Viserbella". 


Il commento dell'assessore Sadegholvaad


"Il 2020 sarà quindi un anno decisivo per Rimini nord, che sarà interessata da una serie di interventi strategici per lo sviluppo futuro di una zona densamente abitata e frequentata e dal grande valore turistico. Credo che a fronte di un obiettivo così ambizioso, come quello di riqualificare oltre sei chilometri di lungomare, valga la pena affrontare qualche mese di convivenza con i cantieri, che comunque saranno gestiti in modo tale da creare il minor impatto possibile. Avremo modo di approfondire e di rispondere anche alle domande e ai dubbi attraverso alcuni incontri pubblici che organizzeremo tra Viserba, Viserbella, Rivabella e Torre Pedrera a partire da fine dicembre. Quelle saranno anche occasioni importanti per sgombrare il campo anche da parziali o inesatte informazioni, che se non confutate con date, cifre, fatti rischiano di creare confusione o sminuire la portata di un intervento che rigenererà tutta la fascia da Rivabella a Torre Pedrera e consentirà all'area nord di proiettarsi nel futuro".