Sabato 19 Settembre01:32:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Manutenzione straordinaria per il Canale emiliano romagnolo da Bologna a Rimini

Progetto complessivo da 26 milioni di euro, finanziamenti dal Ministero dell'Economia

Attualità Rimini | 16:28 - 19 Dicembre 2019 Canale emiliano romagnolo Canale emiliano romagnolo.

Il Canale emiliano-romagnolo (Cer), opera idraulica nata per lo più per l'irrigazione delle campagne da Bologna a Rimini, si ferma per consentire interventi straordinari di manutenzione per un valore complessivo di 26 milioni di euro. Il progetto di rafforzamento della struttura, strategica per l'irrigazione a sostegno dell'agroalimentare di tutta la Romagna e parte dell'Emilia, ha ottenuto il finanziamento dal Ministero dell'Economia. Coi suoi 135 chilometri, oltre ai 16 del primo tratto del Cavo Napoleonico, é il canale più lungo d'Italia, ma le elettropompe dell'impianto principale sul Po, il Palantone, hanno decine di migliaia di ore di funzionamento e i vecchi rivestimenti del primo tratto costruito negli anni '60 iniziano a degradarsi. Il Consorzio ha quindi deciso di fermare il sollevamento delle acque di Po per iniziare la manutenzione delle lastre di rivestimento in un tratto di circa tre chilometri con un costo di 800mila euro. Oltre alla sistemazione delle lastre su un ulteriore tratto iniziale di circa 3,5 chilometri si provvederà al riammodernamento e potenziamento dell'impianto Palantone sul Po anche implementando le elettropompe fino a raggiungere la dotazione concessa di prelievo da Po di 68 metri cubi al secondo. Nei prossimi anni si avvieranno altri interventi sul sistema Cer capaci di consolidare ulteriori tratti del rivestimento, ampliare le aree irrigue, proseguire il Canale nel riminese sino alla vasca finale Fontanaccia e iniziare un'azione di sostituzione di modifica delle paratoie di derivazione per renderle 'intelligenti', cioè gestibili da remoto.