Mercoledý 30 Settembre09:58:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Famija Arciunesa compra spesa per i poveri con il ricavato della vendita delle caldarroste

Il presidente Francesco Cesarini annuncia anche il ritorno del giornalino in una nuova veste grafica

Attualità Riccione | 16:04 - 18 Dicembre 2019 Da sin. Alessandra Prioli (vice pres. Famija Arciunesa), Maurizio Frisoni e Luigi Casadei (Consulta della solidarietà), Federico Galli (Famija Arciunesa) Da sin. Alessandra Prioli (vice pres. Famija Arciunesa), Maurizio Frisoni e Luigi Casadei (Consulta della solidarietà), Federico Galli (Famija Arciunesa).

Famija Arciunesa prosegue la propria attività in città consegnando la spesa, realizzata con i proventi della vendita delle caldarroste, all’Emporio Solidale di Riccione. La prossima iniziativa vedrà in primo piano il periodico di gennaio-febbraio, in arrivo in tutte le case di Riccione, che per festeggiare i suoi 40 anni si presenterà con un nuovo formato ed una nuova grafica. “È un progetto editoriale consolidato e molto seguito che nella sua nuova veste vorrà parlare sempre di più anche ai più giovani - puntualizza il presidente Francesco Cesarini  - 40 anni di vita è un traguardo importantissimo per il quale abbiamo in cantiere anche l’organizzazione di un evento dove coinvolgere i tantissimi lettori che ci seguono con affetto".

"Cambia la forma ma di certo non mutano i contenuti del nostro giornale e delle nostre attività su Riccione - conclude Cesarini - dopo le caldarroste ora siamo al Centro Commerciale Perla Verde con i nostri libri sulla storia di Riccione per dare gambe ad altre iniziative di solidarietà”