Martedì 29 Settembre01:52:52
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il primo libro dello storico Alessandro Giovanardi dedicato all'arte riminese

La presentazione in anteprima nazionale giovedì 19 dicembre al Museo della Città di Rimini

Eventi Rimini | 13:58 - 17 Dicembre 2019 Alessandro Giovanardi Alessandro Giovanardi.

Giovedì 19 dicembre, alle 17.30, il Museo della Città di Rimini ospiterà la presentazione in anteprima nazionale del primo libro dello storico e critico d'arte Alessandro Giovanardi dedicato all'arte riminese: "I colori di Rimini. Una pinacoteca immaginaria". Un originale ed inedito viaggio tra i capolavori dell'arte sacra riminese, a cura dell'infaticabile e attivissimo studioso: "Difficilmente una pittura risveglia il ricordo di Rimini nella memoria comune: pochi saprebbero indicare un dipinto che ne riassuma l'essenza. L'idea di Rimini è affidata alla grafica pubblicitaria, al cinema e alla fotografia o, piuttosto, al suo profilo architettonico e urbanistico. L'Arco e il Ponte romani, le mura antiche, il Tempio e il Castello malatestiani, tutt'al più qualche campanile gotico o barocco sopravvissuti ai terremoti e alle guerre, sembrano riassumere la storia del suo nobile centro storico, ampliato dagli antichi comuni delle colline dell'entroterra. E così il lungomare con le sue villette sempre più rare, i molti (troppi) alberghi, i suoi mastodontici mostri edilizi, come il grattacielo, paiono completarne il volto più noto. Eppure i profani si meravigliano di come tanti capolavori pittorici siano stati realizzati per questa città e, in molti casi, proprio da maestri che qui hanno vissuto e lavorato.  E' nell'arte del colore e nelle sue immemorabili radici artigiane che si conserva ciò che di più prezioso, autentico e incantevole può offrire Rimini a chi la abita e a chi la visita. Per scoprire questo volto celato è necessario, però, varcare la soglia di chiese, musei e palazzi e attendere che i colori si rivelino e si raccontino, uno ad uno, quadro per quadro. Incontreremo dunque tra gli altri: Piero della Francesca, Giovanni Bellini, Guido Cagnacci, Giotto e tanti altri".