Sabato 24 Ottobre10:55:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Scuole sicure, la Polizia Locale arresta a Rimini due giovanissimi spacciatori

In casa avevano marijuana già pronta per lo spaccio, fondamentale il fiuto di Jago, il cane antidroga dell'unità cinofila

Cronaca Rimini | 11:45 - 16 Dicembre 2019 Droga e contanti sequestrati dalla Polizia Locale Droga e contanti sequestrati dalla Polizia Locale.

Con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati arrestati nelle prime ore di lunedì dagli agenti della Polizia locale di Rimini due giovanissimi appena maggiorenni, uno di nazionalità ucraina di 18 anni e uno di 19 di nazionalità italiana.

Un arresto avvenuto al termine dell’indagine innescata dalle informazioni raccolte da altri giovani nel corso dell’attività di controllo che costantemente la Polizia locale riminese compie negli ambiti scolastici, così come definita nel progetto “Scuole Sicure” siglato con la Prefettura riminese nel luglio scorso proprio per prevenire e contrastare, attraverso una serie sinergica d’azioni, lo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici nel corso dell’anno scolastico.

Sono stati due ufficiali e cinque agenti della Polizia locale riminese ad entrare in azione alle ore 5 di questa mattina nell’appartamento in cui risiede uno dei due sospettati. Ad accompagnarli anche Jago, il cane antidroga dell’Unità cinofila, che non ha impegnato molto a rinvenire, nel corso della perquisizione, i 22 grammi di marijuana già suddivisi e confezionati per lo spaccio. Insieme alla droga sequestrati nel corso dell’operazione anche un bilancino di precisione e 520 euro, probabilmente derivanti dall’attività di spaccio. Una maxidose da 8 grammi di marijuana, invece, è stata rinvenuta a carico dell’italiano.

Arrestati entrambi saranno sottoposti nelle prossime ore ad un processo per direttissima.

 

“Scuole Sicure” è il protocollo d’intesa siglato tra la Prefettura – Utg di Rimini e il Comune di Rimini a seguito del progetto presentato dal Comune di Rimini nell’ambito del bando promosso dal Ministero dell’Interno e finanziato dal “Fondo per la sicurezza urbana”.

Tre gli assi su cui la Polizia locale di Rimini è impegnata dalla riapertura dell’anno scolastico per la prevenzione e il contrasto allo spaccio di sostanze negli istituti scolastici del territorio: una campagna informativa, maggiori controlli e videosorveglianza a tutela dei ragazzi.

In particolare “Cervelli e stupefacenti” è il titolo della campagna informativa progettata dalla Polizia Locale di Rimini in stretta collaborazione con l’unità Dipendenze Patologiche dell’Ausl Romagna, che tra le iniziative previste ha anche la realizzazione di una mostra di circa 250 manifesti incentrata sulle droghe e su come sono cambiate le sostanze e l’utilizzo nel tempo.

 

“Con questo progetto – sottolinea l’assessore alla Polizia Locale Jamil Sadegholvaad – puntiamo ad accrescere la consapevolezza dei ragazzi sui rischi che l’assunzione di sostanze stupefacenti comporta per il benessere psicofisico e anche su tutto ciò che sta dietro all’attività di spaccio organizzata, ma accanto a questo siamo determinati a contrastare chi pensa di potersi avvicinare impunemente ai nostri ragazzi con l’obiettivo di spacciare. E che questa operazione sia nata proprio su segnalazioni interne all’ambiente scolastico da parte di alti ragazzi è il segno che lavorare sulla crescita della consapevolezza è la strada giusta da percorrere.”