Domenica 09 Agosto22:57:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo: Capodanno in 1km², a mezzanotte il videomapping per il cinquantennale del Festival

Una grande festa apre il fine anno e la direzione artistica dei Motus

Eventi Santarcangelo di Romagna | 14:55 - 12 Dicembre 2019 Foto della scorsa edizione del Capodanno di Santarcangelo Foto della scorsa edizione del Capodanno di Santarcangelo.

Dopo il concerto di The Bluebeaters, sarà dunque un videomapping ad aprire contemporaneamente il 2020 e il cinquantennale del Festival, dopo di che la festa proseguirà poi fino a tarda notte con i dj set di Bradipop, Velvet e Speak Easy. L’intervento di Motus sarà un primo momento di apertura verso l’edizione 2020 del Festival, concepita come un atto unico, come gesto scenico che prova ad aprire nuove porte immaginative (e programmatiche) che guardano al futuro. Dopo anni in cui il “teatro in piazza”, come recitava la prima dicitura di questo storico appuntamento culturale internazionale, si è lentamente dissolto, Motus – che sin dalla propria fondazione nel 1991 ha intersecato indissolubilmente il proprio percorso con il Festival – ha sentito necessario riappropriarsi degli spazi pubblici con una programmazione inclusiva che coinvolga artisti e spettatori in un unico abbraccio. Un grande abbraccio che parte già dall’avvio del nuovo anno in  piazza Ganganelli.

Scrive Motus: “Negli ultimi anni abbiamo molto insistito, con le nostre opere, sul tema delle mescolanze identitarie, sul superamento delle barriere, con una perenne ostinazione nel lavorare sulle soglie, i confini porosi fra le arti. Non possiamo prescindere da questo denso percorso artistico anche nell’immaginare il Festival, che stiamo pensando come ‘opera corale’ fatta da tanti/tante, ma effetto di scelte di campo ben precise. Questa edizione sarà così incentrata sulla reciproca impollinazione fra cinema, teatro, musica, letteratura… e antropologia, anche perché proprio il 2020 è l’anno che più di ogni altro è stato oggetto di propizie e nefaste visioni fantascientifiche, da questi molteplici fronti. Dopo 50 anni, cercheremo di recuperare l’originario spirito libertario che animava le edizioni iniziali: ci sarà un forte investimento nell’usare spazi pubblici, dalla piazza ai luoghi più inattesi del panorama santarcangiolese, per creare degli slittamenti spazio-temporali nella città, e renderli adatti a ospitare l’inatteso, l’imprevedibile, con interventi performativi e musicali di piccola e grande scala”.

L’intervento di videomapping sarà realizzato da Apparati Effimeri, studio bolognese di visual design che vanta numerose collaborazioni con grandi marchi commerciali e, a stretto contatto con la street art, ha applicato la sua arte digitale sperimentale a grandi progetti legati al mondo della natura, del cinema e della musica classica. Nel 2014, con il progetto “chiaroscuro”, si posizionano al secondo posto nel contest internazionale Circle of light di Mosca, festival dedicato alle nuove tecnologie legate alla luce.