Sabato 24 Ottobre08:51:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Bellaria i Babbo Natale portano i regali con uno scopo: la beneficenza

Un'altra iniziativa benefica è "L'arte nel cuore", con l'incasso devoluto alla Croce Blu

Attualità Bellaria Igea Marina | 16:25 - 10 Dicembre 2019 I volontari di I volontari di "Natale bussa alla tua porta".

Una bella iniziativa di beneficenza a Bellaria, per il quarantesimo anno, vede protagonisti i volontari di “Natale bussa alla tua porta”, che anche quest’anno si trasformeranno nel giorno di Vigilia in Babbo Natale e colorati elfi, recandosi di casa in casa per distribuire regali ai bambini. Il ricavato sarà destinato a due adozioni a distanza in Bangladesh a cura dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e all’acquisto di materiale di cancelleria per l’Istituto Comprensivo di Bellaria Igea Marina.
 

Come partecipare a “Natale bussa alla tua porta”.


Fino a domenica 22 dicembre, i bimbi possono imbucare la loro letterina nell’apposita buchetta davanti alla Gelateria Faro, in via Perugia; da venerdì 20 a lunedì 23 dicembre, i genitori possono portare alla Gelateria Faro (dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18) i regali che vogliono vengano recapitati ai bimbi. Infine, martedì 24 dicembre (dalle 15 alle 19.30 circa), Babbo Natale consegnerà regali e risposte alle letterine di casa in casa, insieme ai suoi elfi.


Arte del cuore: il ricavato alla Croce Blu


Fino al 6 gennaio, il centro cittadino ospita le opere di undici pittori bellariesi che si sono uniti nel progetto “Arte del Cuore”, realizzando altrettanti quadri incentrati sulla Natività: le opere sono in vendita e il ricavato sarà devoluto a Croce Blu Onlus per l’acquisto di defibrillatori da collocare nelle scuole di Bellaria Igea Marina. Le opere sono di Marino Barbanti, Vera Berardi, Francesca Cesari, Angelo Cola, Silvano Lazzarini, Giovanni Morigi, Serena Morigi, Pierdomenico Scardovi, Secondo Vannini, Sandro Vasini e Gianluigi Zeziola; per chi fosse interessato, dal 10 gennaio fino al 10 febbraio i quadri saranno poi esposti presso Fondazione Verdeblu (via Panzini 80).