Venerd́ 18 Settembre12:58:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Tornano i concerti sulla spiaggia libera di Rimini: ambientalisti all'attacco

Nell'estate del 2020 gli eventi della Beach Arena saranno anticipati nel mese della nidificazione dei fratini

Attualità Miramare | 15:45 - 10 Dicembre 2019 Eventi alla Rimini Beach Arena Eventi alla Rimini Beach Arena.

Le associazioni ambientaliste riminesi contro la reiterazione degli eventi estivi della Beach Arena, nella spiaggia antistante l'ex colonia bolognese di Miramare. E' stata infatti presentata richiesta per rinnovare l'evento anche nell'estate 2020, anticipandolo al mese di giugno e ai primi di luglio. Ed è proprio la richiesta di anticipo a finire, in primis, nel mirino delle associazioni, che in una nota spiegano: "Il mese di giugno è un periodo cruciale per la nidificazione dei fratini", evidenziando che già nel 2019 "creò molto scalpore la concessione di quell'area per il Jova Beach Party" e che "tutte le associazioni e moltissimi cittadini si batterono contro quello sciagurato evento". Altre osservazioni riguardano le iniziative messe in cantiere dall'amministrazione comunale per ripristinare le dune costiere, "azione lungimirante e meritoria che non solo faciliterebbe  la nidificazione del fratino, ma permetterebbe di  ricostruire un ambito naturale di grande bellezza per un turismo alternativo e più sostenibile", ma appunto ritenute incompatibili con la decisione di trasformare la spiaggia in una grande discoteca all'aperto per un mese e mezzo in estate. Inoltre, rimarcano le associazioni, concedere una delle poche spiagge libere del riminese a uso privato, "lede il diritto di molti cittadini a poter usufruire di una spiaggia libera, un diritto sancito e tutelato dalle leggi". Il confronto tra le associazioni e l'assessore all'ambiente del Comune di Rimini, Anna Montini, è in programma per giovedì 12 dicembre. L'amministrazione comunale finisce nel mirino anche per l'abbattimento degli alberi in via Sinistra del Porto, via Coriano e ora in via Coletti: "E' paradossale togliere alberi per fare piste ciclabili. Per ridurre inquinanti e migliorare la qualità della città è necessario far convivere alberi e ciclabili a discapito delle strade", accusano le associazioni nella nota.