Lunedý 27 Gennaio09:53:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pizzicato ladro in azione, carabinieri lo spiano. Denunciato 54enne di Novafeltria

Individuato e trovato con la refurtiva, tutta l’attrezzatura trovata è stata posta sotto sequestro

Cronaca Novafeltria | 16:04 - 09 Dicembre 2019 Pizzicato ladro in azione, carabinieri lo spiano. Denunciato 54enne di Novafeltria

Scoperto e denunciato un ricettatore, 54enne di Novafeltria, pizzicato con la refurtiva. Venerdì sera, durante un servizio di controllo, una pattuglia del Nucleo Operativo della Compagnia di Novafeltria si è accorta che nei pressi di un’autofficina gironzolava da qualche minuto un’auto sospetta. Alchè hanno deciso di defilarsi e capire la situazione senza dare nell’occhio. Dopo qualche minuto il proprietario ha spento la vettura ed è uscito per recarsi nel retro. Il 54enne ha approfittato della situazione e si è intrufolato nell’autofficina. I militari sono quindi intervenuti sorprendendolo a rovistare su un banco. Bloccato e perquisito, l’uomo non aveva ancora rubato nulla, ma nella sua auto sono stati trovati attrezzi di giardinaggio e di officina, un tosaerba, motoseghe, pinze, forbici da potatura ed altri attrezzi di cui non ha saputo spiegare la provenienza. La perquisizione è stata estesa anche sua abitazione, all’interno della quale sono stati trovati parecchi altri attrezzi (motoseghe, soffiatori a scoppio, cesoie, smerigliatrici, forbici per potatura). Tutta l’attrezzatura trovata è stata posta sotto sequestro e per l’uomo è scattata la denuncia per tentato furto e ricettazione.


LA REFURTIVA RESTIRUITA AI PROPRIETARI
A seguito del rinvenimento dell’attrezzatura i Carabinieri di Novafeltria, sin dalla stessa sera e nei giorni successivi, hanno attivato le ricerche e svolto degli accertamenti finalizzati a rintracciare i proprietari di quanto recuperato. Le ricerche hanno dato buon esito e infatti sono state individuate alcune persone del circondario che hanno subito dei furti e che hanno riconosciuto parte dell’attrezzatura oggetto dei furti subiti, ai quali saranno restituiti.
Proseguono gli accertamenti per trovare anche i proprietari del restante materiale ritrovato e sequestrato.