Venerd́ 18 Giugno03:40:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il viaggio di adolescenti e migranti diventa un insieme di letture sceniche al Teatro degli Atti

Appuntamento lunedì 9 dicembre alle 21 con "Voci di Stra/ordinaria umanità"

Eventi Rimini | 12:51 - 07 Dicembre 2019 Un momento di "Voci di stra/ordinaria umanità" Un momento di "Voci di stra/ordinaria umanità".

Il viaggio come comunanza tra migranti e giovani studenti: i primi attraverso la loro migrazione, i secondi attraverso il loro percorso di trasformazione – e quindi viaggio – verso l’età adulta. Questa comunanza diventerà spettacolo al Teatro degli Atti attraverso le letture sceniche del 9 dicembre 2019 alle ore 21 (ingresso libero). E’ “Voci di stra/ordinaria umanità”, spettacolo patrocinato dal Comune di Rimini che rappresenta l’esito di diversi laboratori creativi condotti dagli attori Maria Costantini e Francesco Montanari. I quali hanno coinvolto studenti del liceo classico e di scienze umane Giulio Cesare - Manara Valgimigli di Rimini e del liceo scientifico e artistico Alessandro Volta – Federico Fellini di Riccione. I ragazzi, nel corso dell’anno scolastico 2018/19, sono stati impegnati in laboratori di scrittura e di lettura scenica, insieme ad un gruppo coetanei migranti ospiti delle cooperative sociali Cento Fiori e Cad di Rimini

Il lavoro è parte del progetto regionale di accoglienza e integrazione: “Racconti senza confini, un progetto di scambio e inclusione attraverso la narrazione”, capofila Cooperativa Sociale Cento Fiori. Alla realizzazione del progetto molto articolato, partito nel 2018 e che comprende diverse iniziative, hanno partecipato psicoanaliste, psicoterapeute, antropologhe, insegnanti ed educatori. A partire da un pensiero psicologico e sociale, è stata sviluppata la possibilità di prendere parola rispetto al particolare momento storico che stiamo vivendo. Si è raggiunto l’obiettivo di collaborare con gli altri per riconoscere il disagio nel cambiamento adolescenziale, imparare a prendersi cura di sé e dell’altro, sensibilizzare ed educare alla cittadinanza attiva, promuovendo conoscenze e comportamenti adeguati per una convivenza civile e interculturale.


< Articolo precedente Articolo successivo >