Mercoledì 12 Agosto00:29:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, itinerari Mariani nel giorno dell'Immacolata

La città offre la possibilità di visitare i luoghi sacri dedicati a Maria come chiese e cellette votive

Attualità Rimini | 08:15 - 07 Dicembre 2019 Chiesa dei Servi Rimini Chiesa dei Servi Rimini.

L'8 dicembre è la festa dell'Immacolata Concezione e la città di Rimini offre la possibilità di visitare i luoghi sacri dedicati a Maria come chiese e cellette votive. 
Passeggiando per il centro storico della città è possibile vedere la chiesa di Santa Maria in Corte detta dei “Servi” di Rimini. La famiglia Malatesta donò un sito ai Servi di Maria e intorno al 1317 eressero una cappella. La chiesa si trova nel Corso D'Augusto, poco lontano dal Ponte di Tiberio nell'omonima Piazzetta dei Servi. Camminando sempre nel Corso vicino alla chiesa di cui sopra, si trova la Celletta della Madonna del Giglio del XV secolo. Questa cappellina, sorse in una torre antica  che, nel 1839 fu incorporata al palazzo dei Conti Battaglini. Venne distrutta dalla guerra e fu ricostruita nel 1950 . Attualmente vi si venera (dal XV secolo) un dipinto miracoloso di proprietà della famiglia Ricciardelli. Lo storico Clementini precisa che vicino a questo dipinto fu collocato un giglio e che, nonostante fosse inverno, fiorì rendendo maggiore profumo del solito. Poco lontano dall'Arco d'Augusto presente la chiesa di Santa Chiara dove è venerato il quadro della Madonna della Misericordia. La sera dell'11 Maggio 1850, l'immagine mosse gli occhi. Il Miracolo, si ripeteva ad intervalli per otto mesi. Accorsero in tantissimi, a pregarla. Le pupille della Madonna si alzavano verso il cielo e si abbassavano, verso i fedeli. Altre volte erano lucenti come stelle e a volte erano piangenti. Nel suo interno l'immagine della Madonna si trova nell'abside con due angeli che sostengono la sua cornice. 
In via Dante 18 presso l'Oratorio di San Giovannino è presente un'immagine della Madonna in aspettazione del parto eseguita dal pittore riminese Giovan Battista Costa nel 1730, la quale nel 1796 ha compiuto il prodigio del movimento gli occhi; questo evento miracoloso è uno dei fatti che ha segnato la fede del popolo riminese, avvenuto in un periodo storico difficile per la Chiesa oppressa dalla dominazione giacobina, ed ha sorretto una forte resistenza culturale e religiosa