Martedý 28 Gennaio18:04:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Le materie Stem e gli stereotipi di genere: confronto fra studenti, comune e dirigenti

Si tratta dell'ultima iniziativa per celebrare la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Attualità Rimini | 14:43 - 06 Dicembre 2019 Il tavolo delle relatrici in cineteca per insegnare ai ragazzi a contrastare gli stereotipi di genere Il tavolo delle relatrici in cineteca per insegnare ai ragazzi a contrastare gli stereotipi di genere.

Si è svolta venerdì mattina nella cineteca comunale di via Gambalunga a Rimini l’ultima iniziativa prevista dal programma delle celebrazioni della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Un appuntamento dedicato alle ragazze e ai ragazzi degli istituti superiori di Rimini nel quale è stata condivisa la visione del film intitolato “Il diritto di contare”, e dove gli studenti sono stati stimolati da un interessante dibattito, a cui hanno partecipato anche alcune dirigenti e alcune assessore del Comune di Rimini. 

Successivamente alla proiezione del film si è svolto un dibattito al quale hanno partecipato anche alcune  rappresentanti della Giunta Comunale e alcune dirigenti del Comune di Rimini. Erano presenti infatti, per portare la solo esperienza di studio e di lavoro: l’ingegnera Chiara Fravisini, responsabile del settore Facility Management, Roberta Mazza, responsabile della gestione amministrativa e contabile dei servizi demografici, l’assessora Anna Montini con delega all’ambiente, sviluppo sostenibilie, blue economy, start up, identità dei luoghi, protezione civile, statistica e toponomastica e la vicesindaca Gloria Lisi, assessora al sociale e politiche di genere e della casa, che ha anche moderato il dibattito.

L'iniziativa è organizzata dal servizio pari opportunità del Comune di Rimini, dedicato alla promozione delle materie scientifiche, per parlare alle ragazze e ai ragazzi delle classi quarte e quinte dei licei e scuole superiori di Rimini. Con gli studenti sono stati affrontati gli stereotipi di genere per i quali pochissime studentesse scelgono discipline Stem, il termine utilizzato per indicare le materie scientifico-tecnologiche e i relativi corsi di studio, come: la scienza, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica. Un ambito che è in grado di abilitare nuovi mestieri e nuovi professioni. Un momento di confronto serio ed utile  a capire come superare certe convinzioni, diventare consapevoli e poter ambire, senza autolimitarsi, a professioni che attualmente sono quasi esclusivamente di appannaggio maschile.