Venerd́ 13 Dicembre12:57:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Evolution Forum Day a San Patrignano, oltre 1300 persone all'evento internazionale

Sul palco le testimonianze di Letizia Moratti, Evelina Christillin, Maurizio Ghidelli e Martin Castrogiovanni

Attualità Coriano | 11:46 - 03 Dicembre 2019 Un momento dell'Evolution Forum 2019 Un momento dell'Evolution Forum 2019.

In questa 22^ edizione di Evolution Forum Day,  1.380 persone hanno potuto ascoltare le testimonianze di Letizia Moratti, Evelina Christillin, Maurizio Ghidelli e Martin Castrogiovanni, oltre ad appuntare tecniche e contenuti operativi, introdotti dalla squadra dei trainer di Evolution Forum: Emanuele Maria Sacchi, Max Damioli e Christian Pagliarani. Una giornata guidata e condotta da Gianluca Spadoni, trainer, autore e imprenditore.

Il format è nato 10 anni fa su idea di Gianluca Spadoni e Massimiliano Alvisi.
Tema dell’edizione 2019 “ATTIVA-mente, non finiamo come la rana bollita!” Un’esortazione a riflettere sul cambiamento che corre veloce intorno a noi, per non subirlo passivamente, ma per esserne attori attivi e propositivi.

“A me piace stare scomodo - afferma Martin Castrogiovanni – uscire dalla mia comfort zone. Cambiare qualcuno dice non sia nella natura dell’uomo, lo è invece adattarsi”. “Nello sport, come nella vita, dobbiamo essere consapevoli di chi siamo e delle nostre capacità – esordisce Evelina Christillin - ma mai prendersi troppo sul serio, essere sempre curiosi e soprattutto umili. Studiare, studiare, perché se non sei credibile sarai smascherato in fretta.” Se sei competente puoi arrivare in determinate posizioni, poi però, senza evoluzione e aggiornamento continui, non puoi pretendere di rimanerci. 
“Se sei un imprenditore, devi essere disposto a cambiare pelle, non puoi sederti sulle tue idee – spiega Maurizio Ghidelli – il rischio fa parte del gioco, ma devi fare tesoro dei tuoi errori ed essere consapevole che hai nelle tue mani il destino di chi ti ha dato fiducia”. 
È necessario anche sbagliare per correggere il tiro e migliorare. “Nella mia esperienza di imprenditrice, ci sono stati momenti difficili – racconta Letizia Moratti, in collegamento telefonico con l’auditorium di San Patrignano- ho creduto nel mio progetto, ho lavorato sodo, non si ottiene nulla senza fatica, e ho ottenuto il risultato che desideravo”. “A San Patrignano e grazie a Vincenzo Muccioli, ho imparato che la vita è più bella se condivisa. È con questo spirito che cerco di dare il mio contributo per dare opportunità a chi difficilmente ne avrebbe, è stato il mio impegno in politica, lo è oggi nei diversi progetti a cui partecipo”. 
“Essere disposti a smontarsi per poi rimontarsi nella maniera più idonea”, spiega così il processo di messa in discussione e cambiamento di prospettive, una delle ragazze ospiti della Comunità di San Patrignano che ha portato sul palco dell’evento la sua testimonianza.   
“Non mollare mai gli obiettivi – chiosa Gianluca Spadoni - ma gli strumenti, le convinzioni e le idee che non si adattano più o non ci permettono di raggiungerli. Le idee sono di tutti, facciamole girare”. 
“Ho voluto questo evento per creare un momento di aggregazione tra persone - spiega Gianluca Spadoni - mosse e motivate dal miglioramento di sé stesse sotto diversi punti di vista: quello personale, professionale ed umano. Evolution Forum Day è strutturato in modo da ispirare il pubblico attraverso gli interventi sul palco di personaggi di grande spessore; queste autorevoli figure provengono dal mondo dello spettacolo, dell’imprenditoria e dello sport e raccontano il loro vissuto donando importanti spunti di riflessione, utili a tutti coloro che vorranno implementarli nella loro vita” .
La comunità di San Patrignano è stata scelta da Gianluca Spadoni perché luogo iconico per un evento nato con lo scopo di incontrarsi ed evolversi, condividere emozioni e visioni, trarre ispirazione e idee. 
San Patrignano è il luogo di “ripartenza” e di “rinascita” per eccellenza, dove vige la legge del rispetto verso se stessi e gli altri, della collaborazione e della totale condivisione. 

Centinaia i messaggi che sono arrivati dopo l’evento all’organizzazione e sui canali social, conferme dell’utilità di questa giornata nelle vite dei partecipanti.