Martedì 10 Dicembre01:01:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

L'appello del fisico riminese del clima Antonello Pasini: 'Serve uno sforzo condiviso per l'ambiente'

Anche la città di Rimini ha avuto un aumento di temperatura di 3 gradi in cent'anni

Attualità Rimini | 14:11 - 02 Dicembre 2019 Foto da Facebook Foto da Facebook.

Il fisico riminese del clima Antonello Pasini lancia un appello dal microfono del Green meetings di Rimini per «evitare dispute pseudo-scientifiche, mettere da partele divisioni politiche per unirci, tutti insieme, nella lotta contro il cambiamento climatico finché siamo ancora in tempo». Docente all’università Roma Tre, ricercatore presso il Cnr nonché autore di numerosi articoli, saggi e pubblicazioni, e del blog “Il Kyoto fisso”.

La concentrazione dei gas serra che, agendo con quello che Pasini chiama «effetto piumino», intrappolano il calore nell’atmosfera, sta infatti aumentando enormemente per colpa dei combustibili fossili e della deforestazione, con conseguenze mai riscontrate in precedenza. Una di quelle analizzate proprio dall'esperto riminese è la migrazione climatica, studiato nel libro “Effetto serra, effetto guerra”.

Il tema riguarda tutti, città comprese e Rimini inclusa. Secondo una recente indagine del Sole24Ore, dal 1900 ad oggi Rimini ha avuto un innalzamento della temperatura media annua di 3 gradi. Un dato che pone il capoluogo in linea con quella tendenza alla tropicalizzazione dell’area mediterranea che rappresenta un fenomeno estremamente preoccupante.

I “Green Meetings” proseguiranno l’11 dicembre alle 16.30 al Rimini Innovation Square con l’evento “Adriatico: salvaguardia e biodiversità del nostro mare” nel quale interverranno, oltre all’Assessore all’Ambiente Anna Montini e al presidente del Piano Strategico Maurizio Ermeti, Attilio Rinaldi, Presidente Centro Ricerche Marine Cesenatico/Cervia, Luigi Vicari, Direttore Agenzia regionale per la prevenzione, l´ambiente e l´energia dell´Emilia-Romagna (Arpae), Pierpaolo Martinini, Responsabile Fognatura e Depurazione Romagna Gruppo Hera e Massimiliano Ugolini, Goletta Verde, Legambiente Onlus.