Luned́ 09 Dicembre08:31:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

In 115 al maxi evento di pulizia della spiaggia: trovati rifiuti e anche siringhe

I volontari hanno ripulito la zona dal bagno 50 al bagno 15, un'opera particolarmente scrupolosa

Attualità Rimini | 17:56 - 01 Dicembre 2019 I partecipanti alla pulizia in spiaggia I partecipanti alla pulizia in spiaggia.

Già i primi segnali si erano avuti dalle adesioni registrate sull’evento ufficiale pubblicato su Facebook durante la settimana. L’evento di questa mattina (domenica 1 dicembre), organizzato sulla spiaggia di Rimini dal gruppo La Nuova Era, ha superato ancor più le aspettative. Ben 115 partecipanti complessivi si sono ritrovati all’appuntamento delle ore 10 alla spiaggia del bagno 50. La raccolta è terminata al bagno 15 invece che al bagno 1, vista la mole inaspettata di detriti e micro-detriti trovati durante l’attività. È proprio sui micro-rifiuti che il gruppo ha cercato di concentrarsi: le spiagge infatti, grazie all’opera dei bagnini e delle maestranze pubbliche, non si presentano visivamente come luogo di emergenza rifiuti. È stata quindi un’azione in lento movimento, con i volontari che, passo dopo passo, centimetro dopo centimetro, hanno letteralmente setacciato l’arena e la battigia.
Un lavoro talmente scrupoloso che invece dei 50 bagni prefissati, l’azione si è svolta su 35. Purtroppo, come al solito è stata trovata anche qualche siringa.

È stato un momento di grande comunità e solidarietà a cui tantissimi gruppi e associazioni del riminese hanno dato adesione e partecipato attivamente: dal Comune di Rimini stesso, che ha patrocinato l’evento, passando per  Greenpeace Gruppo Locale Rimini, Fridays For Future Rimini, Climate Save, Fondazione Cetacea, Basta Plastica in Mare, LSDF - Libera Società del Frisbee, ESN - Erasmus Student Network, Legambiente e La Nuova Era. "Una mattinata trascorsa tutta sotto un’unica bandiera, quella ambientale, per mandare un chiaro messaggio a tutta la popolazione riminese: far parte del cambiamento per rendere migliore il nostro mondo", spigeano gli organizzatori.