Marted́ 10 Dicembre13:53:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Misano, fermato con 8 quintali di rifiuti non autorizzati sul camion, denunciato

L’uomo lavora in una ditta di Cattolica ed era sprovvisto di ogni autorizzazione

Cronaca Misano Adriatico | 09:21 - 30 Novembre 2019 Polizia Locale del Corpo Intercomunale Polizia Locale del Corpo Intercomunale.

Fermato per un controllo sul suo camion trasportava ben 8 quintali di rifiuti speciali fuori norma: è finito nei guai un 55enne di Gradara. Una pattuglia della Polizia Locale del Corpo Intercomunale gli ha intimato l’alt in località "La Cella" a Misano Adriatico ieri mattina, venerdì 29 novembre, e all’interno del cassone gli agenti hanno notato subito un corposo quantitativo di rifiuti speciali derivanti da attività di cantiere.
Il conducente, titolare di una ditta individuale di lavorazioni edili, si è giustificato sostenendo in prima battuta che i rifiuti fossero derivanti da alcuni lavori eseguiti a casa sua.
Nonostante il vano tentativo di eludere i controlli, gli agenti hanno accertato che il carico trasportato proveniva invece da un cantiere edile di Cattolica dove il 55enne lavora.
Sprovvisto di iscrizione all'albo delle imprese di gestione e senza di alcun tipo di autorizzazione e/o documentazione, l’uomo, in qualità di conducente in ambito professionale, stava trasportando abusivamente circa 8 quintali di rifiuti speciali. Il carico è stato sottoposto a sequestro e il conducente denunciato all'Autorità Giudiziaria. Sono in corso ulteriori indagini nei confronti del titolare dell’impresa.


LA POLIZIA MUNICIPALE RICORDA CHE: la gestione, l'abbandono e il traffico illecito di rifiuti sono reati ambientali gravi. Sono condotte che possono mettere tutti in serio pericolo andando a ledere concretamente l'ambiente in cui viviamo. Facciamo riferimento a fenomeni che ci riguardano da vicino, che si ripercuotono sulla nostra salute e su quella delle generazioni future. Per questo motivo, come organo di Polizia abbiamo il dovere di tutelare il nostro ambiente, concentrando la nostra attenzione su quelle attività in difetto di autorizzazione o regolamentazione.