Mercoledì 11 Dicembre20:45:58
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Scontrino elettronico al via dal 1° gennaio: incontro gratuito per illustrare agli operatori tutte le novità

Il presidente Indino: "Vogliamo dare un aiuto agli operatori per districarsi tra questi nuovi adempimenti"

Attualità Rimini | 10:59 - 28 Novembre 2019 Gianni Indino presidente Confcommercio Rimini Gianni Indino presidente Confcommercio Rimini.

È arrivato il momento dello scontrino elettronico. Il nuovo adempimento entrerà in vigore dal 1° gennaio 2020 e tutte le imprese a quella data dovranno essere dotate di idonei registratori di cassa. Per questo Confcommercio della provincia di Rimini ha organizzato per domani (venerdì 29 novembre 2019) alle ore 14:30 nell’Auditorium della sede di viale Italia 9/11 un incontro aperto e gratuito in cui il dottor Innocenzo Varvara, commercialista consulente di Servizi Imprese Rimini, illustrerà le principali novità, gli aspetti normativi e fiscali e la “lotteria degli scontrini”, nonché le agevolazioni previste per l’adeguamento e la sostituzione degli apparecchi.


“Dopo la proroga di sei mesi che come Confcommercio abbiamo chiesto a gran voce – spiega il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini, Gianni Indino – per permettere alle imprese di avere il tempo di adeguarsi, è arrivata l’ora di affrontare questa novità legislativa. Per aiutare gli operatori, abbiamo organizzato un incontro gratuito in cui un esperto spiegherà tutti gli aspetti e le novità.
Purtroppo ancora una volta le piccole e micro imprese sono messe di fronte a nuovi costi e adempimenti, come quelli che dovranno affrontare se le nuove norme per spingere l’utilizzo della moneta elettronica non saranno modificate riconoscendo alle imprese commissioni più basse e azzerate per i piccoli importi incassati con carte e bancomat. Per sollecitare ad una revisione della norma, nei giorni scorsi io insieme a tutti i presidenti delle Confcommercio locali, abbiamo inviato una lettera ai parlamentari e ai consiglieri regionali affinché la classe politica tutta, indipendentemente dal colore di appartenenza, si adoperi affinché si giunga ad una rivisitazione di tali disposizioni normative che andrebbero a penalizzare ulteriormente quel tessuto produttivo del nostro Paese già duramente colpito da anni di crisi, difficoltà e congiunture economiche negative. Il presidente nazionale Sangalli ha portato le richieste ai tavoli governativi. Intanto, apprendiamo con soddisfazione che grazie all’intervento pressante messo in atto, la ‘lotteria degli scontrini’, anch’essa portatrice di nuovi costi per i commercianti, dovrebbe slittare di sei mesi ed entrare in vigore dal prossimo luglio, con la speranza che venga completamente abolita o almeno che vengono aboliti i termini con i quali oggi viene messa in atto”.