Martedì 10 Dicembre14:47:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Stabili in disuso aperti per dare ospitalità ai senzatetto contro il freddo: l'appello del Comune di Rimini

Il vicesindaco Lisi si rivolge ai privati in possesso di stabili inutilizzati affinché li mettano ai disposizione

Attualità Rimini | 13:04 - 27 Novembre 2019 Senzatetto (foto di repertorio) Senzatetto (foto di repertorio).

L'inverno è alle porte, le temperature sono ancora autunnali, ma con l'arrivo di dicembre è atteso un cambiamento meteorologico. Il Comune di Rimini si è dunque attivato per mettere a disposizione un centinaio di posti letto per la prima accoglienza e il sostegno dei senza fissa dimora. Il piano per affrontare l'emergenza freddo, che mette a sistema pubblico e privati per conseguire questo scopo, si snoda sostanzialmente sui tre centri a bassa soglia cittadini, quello della caritas, quello della Papa Giovanni XXIII e il nuovo centro nell'ex stamperia di via De Warthema. Volontari delle associazionie croce rossa scendono inoltre quotidianamente in strada per portare bevande, cibo e coperte a chi vive per strada. Il vicesindaco Gloria Lisi lancia un appello alla cittadinanza: "Le associazioni hanno bisogno di nuovi volontari da coinvolgere nelle unità di strada: è un’esperienza che consente di aprire gli occhi e il cuore su una realtà da cui spesso volontariamente distogliamo lo sguardo”. Un appello che si apre anche ai privati che hanno a disposizione strutture non utilizzate. “Sarebbe importante – rilancia il vicesindaco – che qualcuno in possesso di uno stabile in disuso possa aprire le porte ai senza fissa dimora in particolare nelle giornate in cui il freddo si fa più pungente, affinché possano avere un punto di ritrovo dove poter trascorrere qualche ora. Un modo per dare accoglienza e promuovere la condivisione e che dà corpo a quel progetto di comunità aperta e solidale che è nel dna della città di Rimini”.