Marted́ 10 Dicembre15:13:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Contest fotografico sui luoghi dimenticati: tra i vincitori c'è una foto all'ex discoteca Paradiso

Sabato nuovo convengo de "Il riuso del moderno" voluto dall'Ordine degli Architetti di Rimini

Attualità Rimini | 14:01 - 23 Novembre 2019 Convegno dedicato al Riuso architettonico del moderno Convegno dedicato al Riuso architettonico del moderno.

Entra nel vivo il programma de ‘Il Riuso del Moderno’, messo a punto dall’Ordine degli Architetti di Rimini e dedicato a stimolare la centralità degli architetti nel processo decisionale che porta ai progetti sul territorio. Il focus è su sul processo di partecipazione che deve attivarsi, con la regia dei professionisti, fino a sfociare nel contributo
 
“Questa mattina – ha detto Roberto Ricci, Presidente dell’Ordine Architetti Rimini - riaffermiamo un legame al quale l’Ordine di Rimini lavora da anni, quello che afferma una territorialità legata al Montefeltro, da cui il coinvolgimento costante dell’Ordine di Pesaro-Urbino e della Repubblica di San Marino, alla quale abbiamo dedicato un focus. Crediamo nell’identità che rappresenta il Montefeltro, valorizzando l’interesse collettivo che supera i confini spesso affermati dalla politica”.
 
La mattinata odierna (sabato 23 novembre) è quindi stata dedicata alla Repubblica di San Marino, alle prese con il nuovo piano regolatore firmato da Stefano Boeri, l’architetto lombardo noto per aver ideato il ‘Bosco Verticale’ nel quartiere Isola, a Milano, e per numerosi altri progetti di respiro internazionale.
 
Intanto è giunto al termine il contest fotografico dedicato al riuso del moderno, che ha avuto l’obiettivo di fare scoprire aree e edifici del territorio che sono stati dimenticati. Numerosissime le fotografie riguardanti un luogo o una struttura architettonica costruita a partire dal 1900, della provincia di Rimini o del territorio di San Marino, ritenuta abbandonata, inutilizzata o sottoutilizzata. Una sorta di caccia al tesoro alla ricerca dei luoghi dimenticati. Ieri la premiazione dei tre scatti migliori: “Ex Discoteca Paradiso” di Elisa Liverani, “Il patio delle maioliche” di Marianna Arduini e “Caduta Libera” di Valentina Bellini, realizzata all’interno dell’ex Pastificio Ghigi.
 
Nel frattempo sono aperte al pubblico le mostre allestite nell’Ala moderna del Museo Tonini, declinazione di un impulso che l’Ordine degli architetti intende comunicare, l’attenzione per certi versi rivoluzionaria al tema del Riuso degli edifici abbandonati, eppure spesso così ricchi di architettura. Le mostre sono visitabili tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00, al mercoledì dalle 10.00 alle 23.00. Giorno di chiusura al mercoledì.
Sarà possibile ammirare le immagini del Ponte sul Basento, dedicate al genio del grande ingegnere Sergio Musmeci; una rassegna sulle colonie marine che negli anni ‘30 rappresentavano “il pieno nel vuoto”; un allestimento dedicato alla Corderia di Viserba e a come alcuni appassionati di fotografia riminesi l’abbiano utilizzata come set fotografici per ambientare i loro progetti.
 
Domani mattina un appuntamento di grande interesse, un viaggio in bus e in Metromare tra le colonie da recuperare e presenti sul litorale, organizzato in collaborazione con Start Romagna.
Annullato per motivi di salute, purtroppo, l’attesissimo incontro con il fotografo Guido Guidi, pioniere della nuova fotografia italiana del paesaggio, previsto nel tardo pomeriggio.

 
Il programma di domani


h. 9.00 conversazione itinerante: Tra le colonie con il filobus
Massimo Bottini - A.Mo.Do. Alleanza Mobilità Dolce
Partenza da Stazione di Rimini: viaggio in bus tra le colonie. Ritorno alla stazione di Rimini dalla stazione di Riccione con il nuovo Metromare
 
L’evento ‘Il Riuso del Moderno’ è organizzato in collaborazione con Archirì, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, della Provincia e del Comune di Rimini, della Diocesi di Rimini, dei Comuni di Morciano di Romagna, Pennabilli, Riccione e Santarcangelo; inoltre del Cluster E-R Build, Piano Strategico e Camera di Commercio della Romagna.
 
Sostengono a partecipano all’evento la Fondazione Inarcassa, Fondazione Architetti Marche, Abruzzo-Molise, Lazio, della Repubblica di San Marino, l’Ordine Architetti Pesaro-Urbino, Rete Professioni Tecniche, il Dipartimento Architettura di Ferrara, l’Alma Mater Studiorum di Bologna, l’Università della Repubblica di San Marino.
 
Un ringraziamento particolare per il loro contributo alle aziende Eco Area, Del Conca, Fratelli Franchini, Giorgi Ufficio, Start Romagna, Edilizia Professionale Romagna, Due come Noi e Tutto Luce. Inoltre: alla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, CNA Rimini, ANCE Romagna.