Martedý 10 Dicembre05:50:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sembra un'emergenza ma è un'esercitazione, simulazione di un incidente aereo al Fellini di Rimini

L'appuntamento con la prova biennale del piano di emergenza è martedì 26 novembre

Attualità Rimini | 14:35 - 22 Novembre 2019 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Nonostante l'aereo sia statisticamente il mezzo più sicuro con cui muoversi, incidenti e imprevisti possono sempre verificarsi. Per cercare non tanto di prevederli, quanto almeno di porvi rimedio, martedì 26 novembre dalle 15.30 alle 19 l'aeroporto Fellini di Rimini ospiterà un’esercitazione con simulazione di incidente aereo, al fine di verificare l’efficacia del Piano di Emergenza Aeroportuale.

Saranno diversi e molti i soggetti coinvolti nelle operazioni di soccorso, da Enac a Enav, a vigili del fuoco, personale sanitario di primo soccorso, Croce blu, prefettura, Questura, polizia di Stato, guardia di finanza, dogana, militari del settimo reggimento Vega e personale dell’aeroporto stesso. Punto di forza dell’attività sarà la partecipazione di tutti gli attori che potrebbero essere chiamati a intervenire in caso necessità.

L’esercitazione riguarderà tutte le procedure d’intervento che vengono applicate in caso di incidente aereo. L’allerta partirà dalla torre di controllo che darà avvio alla macchina dei soccorsi, Airiminum attiverà il piano di emergenza aeroportuale dove i primi a scattare in avanti saranno i vigili del fuoco e la Croce blu, a seguire il personale del118.

Per l’esercitazione sono coinvolti circa 150 figuranti e 150 tra operatori della sicurezza, soccorritori e staff dell’Aeroporto. Tra i figuranti anche degli studenti del Liceo Einstein di Rimini e dell’Istituto Tecnico Aeronautico di Forlì, che faranno la parte di alcuni dei passeggeri.

L’ultima esercitazione “full scale” dell’Aeroporto riminese risale al 2017. Ogni due anni, infatti, deve essere effettuata una simulazione di incidente aereo per valutare e verificare le modalità di coinvolgimento di tutti i soccorritori in caso di reale emergenza.
A coordinare l’operazione, dietro direttive Enac, sarà l'ingegnere Monica Passuello. Durante l’orario della simulazione non sono previsti atterraggi né partenze .