Marted́ 10 Dicembre05:32:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: con la coca nascosta tra i sedili dell'auto rifornivano i clienti, un arresto e una denuncia per spaccio

La polizia ha tenuto d'occhio due giovani albanesi: i clienti ordinavano al telefono la droga tramite messaggi

Cronaca Rimini | 11:16 - 22 Novembre 2019 Unità cinofile della Polizia di Rimini, foto di repertorio Unità cinofile della Polizia di Rimini, foto di repertorio.

Sulla loro automobile erano nascosti, tra i sedili, involucri confezionati con undici grammi di cocaina. Due giovani albanesi sono finiti nei guai verso le 21.45 di ieri (giovedì 21 novembre), al termine di un controllo operato dal personale della Squadra Volante in via dei Cavalieri a Rimini. Uno dei due, un 23enne che ha dichiarato di risiedere a Novafeltria, era stato riconosciuto dalla Polizia: nell'estate 2007 fu arrestato perché trovato in possesso di 27 grammi di droga. L'altro ha detto di essere arrivato in giornata dall'Albania, pur avendo un passaporto senza alcun timbro che potesse dimostrarne l'ingresso in Italia. La Polizia ha così avviato ulteriori accertamenti, in particolar modo sul 23enne e sul suo telefono cellulare. Messaggi di clienti che chiedevano stupefacenti, messaggi da un numero denominato "amore", quest'ultimi appartenente a una ragazza albanese alloggiata in un residence di via Sabaudia: il vero domicilio del 23enne, che è stato arrestato, al termine degli accertamenti, in relazione allo stupefacente trovato in automobile. L'amico è stato invece denunciato. L'ipotesi di reato è detenzione ai fini di spaccio. Nel cortile del residence la Polizia ha inoltre sequestrato un contenitore con 60 grammi di cocaina.