Sabato 07 Dicembre13:20:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini come avamposto del Rinascimento per il secondo appuntamento de "I Maestri e il Tempo"

Domani alle 17,30, a Palazzo Buonadrata, la filologa Centanni parlerà della contesa quattrocentesca per il primato del greco o del latino

Eventi Rimini | 13:10 - 21 Novembre 2019 Monica Centanni Monica Centanni.

Una folta cornice di pubblico ha accolto venerdì scorso il ritorno de I Maestri e il Tempo, la rassegna culturale promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, giunta alla IX edizione, quest’anno curata insieme alla Biblioteca Gambalunga, nell’anno delle celebrazioni del suo quattrocentesimo anniversario.
Domani, venerdì 22 novembre, andrà in scena il secondo appuntamento, in programma sempre a Palazzo Buonadrata.

Ospite dell’incontro la filologa Monica Centanni, direttore del Centro Studi Architettura, Civiltà e Tradizione del Classico presso lo IUAV di Venezia e già docente all’Università degli Studi di Catania, a cui si devono molti fondamentali saggi sul Tempio Malatestiano.
Nell’appuntamento di domani, intitolato “Basinio e la gara tra il greco e il latino. La corte di Rimini avamposto del Rinascimento”, la Centanni inquadrerà la figura di Basinio come poeta e filologo di primo piano nel panorama della cultura europea e sottolineerà l’importanza di Rimini come luogo d’inizio del Rinascimento.
Rimini e la Corte Sigismondo – anticipa la relatrice - nella prima metà del Quattrocento furono uno dei cuori pulsanti per il rinascimento dell’antico nelle lettere e nelle arti. In particolare – aggiunge -alla corte di Sigismondo si tenne una contesa per il primato del greco o del latino che coinvolse gli intellettuali più all’avanguardia della cultura umanistica del tempo”.

Aspetti che troveranno ampia illustrazione nel secondo appuntamento della rassegna curata da Alessandro Giovanardi e Oriana Maroni.
Il ciclo “Il Codice celeste. L’Astronomicon di Basinio e la cultura del Rinascimento” prevede ancora due appuntamenti in calendario: venerdì 29 Novembre è in programma Angeli e Demoni. Il cielo scolpito del Tempio Malatestiano, con l’intervento di Alessandro Giovanardi, storico e critico d’arte, docente d’iconografia e iconologia all’Issr di Rimini e San Marino-Montefeltro; sabato 14 dicembre, poi, l’incontro conclusivo Nel cielo e sulla terra. L’Astronomicon di Basinio e altri esempi. Chiuderà la rassegna Fabrizio Lollini, storico dell’arte e iconologo dell’Università di Bologna. 

La rassegna è patrocinata dall’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna e dall’Ufficio Scolastico Riminese che, con il MiUR, riconosce la partecipazione al ciclo come crediti per la formazione del personale docente. Il Ciclo “I Maestri e il Tempo” si svolge grazie al contributo di Centro Stampa Digitalprint e Hotel Napoleon.