Sabato 07 Dicembre12:42:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Furto ad alta tensione: madre e tre figli minorenni rubano cavi elettrici a una ditta di Savignano

Sono stati avvistati dalla polizia stradale di Riccione perché l'auto era così carica che toccava terra

Cronaca Riccione | 08:47 - 21 Novembre 2019 Le immagini della telecamera di sorveglianza Le immagini della telecamera di sorveglianza.

Furto a base di rame a danno di una ditta di materiale elettrico di Savignano sul Rubicone, madre e tre figli minorenni sono stati beccati perché alla guida di un'auto che era così carica da toccare quasi terra. Il veicolo, un'Audi SW, è stato avvistato martedì pomeriggio sulla statale 16 da una pattuglia della polizia stradale di Riccione. Il mezzo era guidato dal figlio 17enne, ovviamente sprovvisto di patente, di una donna di 42 della Bosnia ed Erzegovina. Nei posti dietro, fra cavi e materiale elettrico, altri due figli minorenni.

Chiesta contezza alla donna del possesso di tale materiale, non  è stata in grado in alcun modo di giustificarne la provenienza, sostenendo di averla acquistata poco prima. Accompagnati in questura, nell'incrocio dei controlli si è scoperto che poco prima, quindi verso le 14.35, il titolare di una ditta di materiale elettrico sita in Savignano sul Rubicone aveva sporto denuncia di furto presso la stazione dei carabinieri di quel comune. La denuncia riguardava un’importante quantitativo di cavi elettrici in rame del valore di circa 2 mila euro avvenuto verso le 14. Dalle immagini di videosorveglianza si è poi appurato che il veicolo del filmato era lo stesso fermato all'atto dei controlli.

Deferiti alle autorità giudiziarie competenti per il reato di furto, il materiale rinvenuto è stato presto riconsegnato al titolare della ditta. Nei confronti del conducente minorenne e della madre esercente la potestà genitoriale sono state elevate diverse importanti sanzioni. Sono in corso ulteriori accertamenti per risalire all’effettivo proprietario dell’auto, priva di assicurazione e revisione, che dovrà tra l’altro rispondere anche di incauto affidamento.