Marted́ 10 Dicembre05:36:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, Grassi: 'Doppio esonero, ho sbagliato ancora. Colella e Pastore hanno l'esperienza giusta'

Il nuovo direttore sportivo: 'Rosa da rimodellare, cerchiamo under e over e valutiamo gli svincolati'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 21:13 - 19 Novembre 2019 Da sinistra il dg Mercuri, il ds Pastore e il presidente Grassi Da sinistra il dg Mercuri, il ds Pastore e il presidente Grassi.

Lo scorso anno sono ingaggiati quattro allenatori, a novembre il bilancio è di tre direttori sportivi (Cangini, D’Agnelli, Pastore) e due tecnici (Cioffi e Colella, tre se ci mettiamo anche Petrone che aveva il contratto e ha rescisso il contratto). Il presidente Giorgio Grassi ha voglia a dire  - e l’ha ripetuto anche nel corso della conferenza -  che nel momento in cui le scelte si fanno sembrano sempre quelle giuste, ma converrete che qualcosa non quadra....Il ciclone Nicastro, con un po' di buon senso, si sarebbe potuto evitare. Comunque Grassi ha ammesso il suo imbarazzo: ‘Avevo detto che stavolta non avrei toccato l’allenatore, invece ho cambiato il tecnico e il direttore sportivo. Di fatto è un fallimento sportivo. Cioffi in particolare ci è rimasto male. Questo omone mi vedeva come un padre”.
Ma il Rimini doveva cambiare, classifica alla mano. “Nella partita contro l’Arzignano è stato toccato il fondo. Mai la squadra ha giocato così male. Giovanni e Ivano hanno un grosso lavoro da fare anche dal punto di vista psicologico. Abbiamo toccato il fondo, il tempo per recuperare è dalla nostra parte”.
L’indirizzo della società è quello di schierare gli under e Grassi rigetta l’accusa di intrufolarsi nelle scelte tecniche: “E’ una leggenda metropolitana, io non ho mai suggerito giocatori o moduli. L’unica cosa che abbiamo detto, come altre società nostre concorrenti, che avremmo preferito giocare con gli under”.
Della nuova coppia Pastore-Colella dice: ‘Hanno competenza ed esperienza, la prima senza la seconda non basta. I loro predecessori avevano un mix di entrambe, ma forse non in maniera sufficiente. La squadra l’hanno fatta loro e su alcuni non abbiamo avuto il rendimento che speravamo, sulle tante scommesse il margine di riuscita è stato basso. E chi ha operato dopo Cangini ha avuto tutto il tempo per fare e disfare”.
Grassi, come è arrivato alla scelta di Pastore? E’ vero che le è stato consigliato dall’ex presidente De Meis?
“Ci siamo conosciuti tempo fa, poi abbiamo approfondito il nostro rapporto. E’ vero, conosco De Meis, ma la scelta è solo farina del mio sacco”.
Perché non ha richiamato Cangini che aveva lasciato il lavoro a metà?
“Cangini ha lavorato bene, si è dimesso perché non ha ritenuto – giustamente dal suo punto di vista – di non affiancare Penta. Ma io nel frattempo ho stretto un rapporto con Pastore e ho ritenuto di affidarmi a lui”.
PAROLA A PASTORE Anche il direttore sportivo ha il contratto fino a fine stagione, poi si vedrà, ma l’ambizione è cominciare un progetto: “Per adesso ci conosciamo” spiega. Per lui è un ritorno a casa dopo quattro anni. “Ringrazio il presidente perché venire in una città come Rimini è un piacere. E’ una proprietà di cui nessuno può lamentarsi – le sue prime parole - Ho la possibilità di rientrare dalla porta principale in un campionato - la terza serie - che prima di fare due anni al Milan era il mio di appartenenza. La cosa che mi ha più impressionato è la passione che c’è in questa piazza”.
MERCATO “Io e il mister abbiamo tanto lavoro da fare. Ci sono in rosa tanti giocatori – sono 27 – cercheremo di snellirla. Faremo le nostre valutazioni. Qualcuno già tesserato e che vuole cambiare aria potrebbe arrivare prima del mercato di gennaio per allenarsi qui ed essere poi pronto dal 2 gennaio. Gli under? Cercheremo di rafforzare il pacchetto. Valutiamo anche gli svincolati. La mia esperienza al Milan tornerà utile, ma noi dobbiamo scegliere giocatori funzionali alla nostra squadra e non in base ai club di provenienza”.
ste.fe.


La cronaca della lunga giornata biancorossa


Le indiscrezioni di altarimini.it sul cambio in panchina

L'ufficialità di Colella come allenatore

L'analisi sul momento biancorosso

Il commiato di mister Cioffi

Le parole del neo alleantore Colella

ASCOLTA L'AUDIO