Venerd́ 13 Dicembre18:04:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dopo gli incontri di Bellaria, Centro Meteo Emilia Romagna al lavoro su un progetto per le scuole

Intervista a Federico Antonioli dello staff: "agli incontri di Bellaria Igea Marina interesse autentico dei partecipanti"

Attualità Bellaria Igea Marina | 12:43 - 19 Novembre 2019 Alcuni membri dello staff di Centro Meteo Emilia Romagna (foto Alessia Bocchini) Alcuni membri dello staff di Centro Meteo Emilia Romagna (foto Alessia Bocchini).

Si sono tenuti nei giorni scorsi tre incontri di carattere divulgativo a cura dello staff di Centro Meteo Emilia Romagna, giovane ed emergente realtà promotrice di un’informazione meteorologica sana e ponderata. Abbiamo sentito Federico Antonioli di Centro Meteo Emilia Romagna per tracciare un bilancio dell'attività. 

1) Tre serate divulgative a Bellaria, qual è il vostro bilancio?

Un bilancio positivo. Molto positivo a mio avviso ma non solo in termini di presenza, che è stata comunque rilevante con la sala piena per tutte e tre le serate. Nello svolgere le conferenze ci si è resi conto dell'interesse autentico dei partecipanti verso le tematiche affrontate. Tematiche che han spaziato dalla corretta comunicazione meteorologica in relazione al turismo, passando per il sistema di allertamento e la prevenzione del rischio,finendo poi con il Riscaldamento Globale e i cambiamenti climatici. 
Sicuramente è un primo passo, un buon inizio per un progetto più ampio che speriamo possa favorire la costruzione di qualcosa di utile per la comunità.


2) Quali saranno le prossime iniziative che vi vedranno protagonisti?

Innanzitutto un progetto scuola che realizzeremo sempre a Bellaria-Igea Marina, ma anche vari interventi presso le Scuole Superiori della zona. Poi chiaramente si continua sempre con le nostre attività anche sui canali informativi web, dal sito www.centrometeoemiliaromagna.com passando per Facebook e Instagram. L'obiettivo è sempre quello di informare e formare in maniera corretta e soprattutto scientifica. 
Non mancheranno comunque nuove iniziative ed attività sul territorio, anche a partire dal nuovo anno e soprattutto non limitate alla provincia di Rimini. Ricordiamo che siamo comunque una realtà regionale e come tale è bene cercare di diffondere ciò che facciamo in ogni angolo della regione. Lo riteniamo necessario, anche perché risulta fondamentale oggigiorno prendere coscienza di come stanno realmente le cose, senza lasciarci influenzare dai "cialtroni" che propinano di tutto.

3) Prevenzione dei rischi: cosa è emerso dalla conferenza e quali sono le mosse da fare in prospettiva futura.

Il capitolo della prevenzione del rischio è un aspetto importante e che va assolutamente considerato. Ho notato anche molto interesse da parte delle persone. In prospettiva futura credo che  non si debba agire per compartimenti stagni, non è tutto "maltempo" o tutto "cambiamento climatico": Risulta invece necessario lavorare contemporaneamente per migliorare la sostenibilità, per ridurre il dissesto idrogeologico, per prevenire i rischi lungo la fascia costiera e contribuire a ridurre l'impatto dell'uomo sul nostro ambiente e il nostro clima.

Il tema della prevenzione del rischio oggi deve essere considerato prioritario ed è auspicabile che si realizzino sempre più sinergie tra tutti i soggetti coinvolti nelle attività di Protezione Civile, valorizzando al meglio le specializzazioni delle varie strutture e le professionalità delle persone coinvolte.

Infine, ma non per importanza, desidero esprimere il mio ringraziamento, personale e a nome di tutto lo staff di Centro Meteo Emilia Romagna, all'Amministrazione Comunale di Bellaria-Igea Marina, al Sindaco Filippo Giorgetti, all'Assessore alle politiche ambientali Adele Ceccarelli, che hanno creduto nell'importanza di attuare un progetto, di iniziare un percorso. Un percorso fatto di persone "che realizzano cose" per altri. E credo che questo sia un pregio assoluto.