Sabato 07 Dicembre15:05:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket D, i Rose&Crown Tigers esultano all'overtime: battuto l'International Imola 73-72

L’infortunio di Saccani complica le cose, ma cuore e grinta del Villanova valgono due punti fondamentali

Sport VillaVerucchio | 21:48 - 17 Novembre 2019 I Rose6Crown Villanova Tigers esultano a fine partita I Rose6Crown Villanova Tigers esultano a fine partita.


Preziosa vittoria per i Rose&Crown Villanova Tigers che, al termine di una partita infinita, battono per 73-72 l’International Imola dopo un tempo supplementare, conquistando due punti importanti in chiave salvezza.
L’avvio delle Tigri è eccellente: le bombe di Bronzetti e Panzeri aprono le danze, mentre dall’altra parte l’International lotta contro i ferri della Tigers Arena. Quando Wiltshire sblocca i suoi, è un tarantolato Buo a dilatare il divario fino ad oltre i dieci punti.
Nel secondo quarto, pian piano, anche gli ospiti iniziano a macinare gioco, trovando nei post up di Ravaglia preziose situazioni di vantaggio. Dall’altra parte, però, i ragazzi di coach Rustignoli rispondono sempre colpo su colpo ai tentativi di rientro biancorossi, grazie ai liberi di Tomasi e di Bollini. Prima dell’intervallo, però, è la bomba di Bronzetti a fil di sirena a fissare il punteggio sul 48-36.
Al rientro dagli spogliatoi, Imola prova a riaprire la contesa: un paio di canestri di Puntolini fanno male, ma dall’altra parte è un monumentale Calegari a fare il vuoto nel pitturato. La distanza tra le due squadre, però, non accenna a diminuire e rimane sempre oltre la doppia cifra e così rimane per larghi tratti anche dell’ultimo periodo.
Sul +10 a poco meno di 3’ dal gong sembra ormai fatta per i Villanova Tigers, ma International non ci sta: Fussi e Wiltshire iniziano a cannoneggiare, mentre qualche persa banale toglie preziosi attacchi ai padroni di casa che, sul possesso decisivo, perdono palla regalando proprio a Fussi il layup del pareggio.
Nel supplementare, i padroni di casa partono forte con i liberi di Calegari, ma dall’altra parte un fin lì sonnecchiante Zambrini si accende, firmando un canestro importante. Sul 71 pari, Dal Fiume subisce fallo, ma dalla lunetta fa soltanto 1/2, mentre sul rovesciamento di fronte è Buo a firmare il canestro del sorpasso su un rimbalzo d’attacco. Negli ultimi 40” succede di tutto, ma nessuna delle due squadre riesce a segnare: sull’ultimo possesso, il tiro di Ravaglia non prende il ferro, consegnando così la vittoria ai Tigers.
“Questa è una vittoria di platino, soprattutto per come si era messa la partita. – commenta coach Valerio Rustignoli – Abbiamo guidato il match per 35’, mostrando una grande presenza nella partita e dando un chiaro segnale dopo il disastro di Riccione. Poi, nel finale, la stanchezza e i nostri limiti sono venuti fuori in maniera importante, mettendo a rischio il risultato. Nel supplementare, però, l’abbiamo vinta con tanta voglia e gettando il cuore oltre l’ostacolo di minutaggi importanti e acciacchi fisici. Anche guardando la partita, questo è un successo davvero prezioso”.

Il tabellino
Rose & Crown Villanova Tigers – International Imola 73-72 dts
Tigers: Bronzetti 13, Panzeri 13, Buo 18, Mussoni ne, Semprini 3, Guiducci 2, Rossi A., Campidelli, Calegari 13, Tomasi 7, Saccani, Bollini 4. All. Rustignoli
International: Wiltshire 19, Fazzi 2, Dal Fiume 5, Zambrini 9, Poloni 3, Fussi 7, Poli, Ravaglia 13, Ricci Lucchi 2, Verde 2, Puntolini 10. All. Dalmonte
Arbitri: Cascioli e Romano
PARZIALI: 16-5; 31-23: 48-36; 66-66