Giovedý 05 Dicembre23:09:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

No plastica: Comune di Rimini vuole installare fontanelle d'acqua e sistemare quelle inattive

Lo annuncia l'assessore Anna Montini, commentando il piano della regione per diminuire consumo di plastica

Attualità Rimini | 16:46 - 14 Novembre 2019 Uomo si disseta a una fontanella (foto di repertorio) Uomo si disseta a una fontanella (foto di repertorio).

“PlasticFreER” è il Piano della Regione approvato dalla Giunta nell’ultima seduta per una strategia condivisa con enti pubblici, imprese, sindacati, associazioni e comunità scientifica, allo scopo di liberare dalla plastica usa e getta uffici, mense, sagre e feste e ripulire spazi pubblici, fiumi, mare e spiagge. Un percorso comune in 15 azioni per un’economia sempre più circolare e sostenibile che sarà finanziato con quasi 2 milioni di euro. L'idea trova il plauso dell'amministrazione comunale di Rimini. L'assessore Anna Montini rimarca "l’azzeramento dell’uso degli oggetti di plastica monouso nelle mense scolastiche dove ora si usano piatti, posate e bicchieri di porcellana e vetro lavabili quindi in lavastoviglie  e riutilizzabili", con il risparmio di oltre quattro milioni di oggetti monouso e quindi una sicura riduzione dei rifiuti. L'amministrazione comunale, spiega l'assessore Montini, è intenzionata a installare le fontanelle pubbliche e sistemare quelle esistenti che non funzionano, per ridurre l'uso, da parte di cittadini e turisti, delle bottiglie di plastica.  Per ciò che concerne la raccolta di rifiuti in mare, saranno firmati accordi specifici con associazioni di pescatori e acquacoltori. In particolare si punterà sul riporto a terra dei rifiuti accidentalmente pescati.