Sabato 07 Dicembre16:01:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Finge di essere la sorella gemella, centaura beccata senza patente

Maxi multa di cinquemila euro per una 43enne pugliese residente nel riminese

Cronaca Cattolica | 15:56 - 14 Novembre 2019 Agente di polizia stradale in moto Agente di polizia stradale in moto.

Guidava una motocicletta Yamaha senza patente, fingendosi poi davanti ai poliziotti la sorella gemella, che al contrario è in possesso del documento di guida. Una 43enne pugliese, residente nel riminese, ha rischiato una denuncia per false attestazioni sull'identità personale: alla fine però, davanti agli agenti della Polizia Stradale, prima che mettessero tutto a verbale, ha dato le corrette generalità, esibendo la propria carta di identità, assumendosi le proprie colpe. E' stata sanzionata con un verbale di 5000 euro per guida senza patente, mentre la moto, che è di proprietà della sorella, è stata sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi. Il controllo della Stradale è avvenuto a Cattolica alle 15.30 circa di ieri, mercoledì 13 novembre. Inizialmente la 43enne aveva detto di non avere con sé i documenti, né la patente e la carta di identità, e aveva dato le generalità della sorella gemella. Ma i poliziotti hanno appurato, con le proprie banche dati, l'esistenza di due sorelle, capendo subito che davanti a loro c'era quella senza patente. Prima di mettere tutto a verbale, l'hanno messa alle strette e a quel punto la 43enne si è assunta le proprie responsabilità.