Sabato 07 Dicembre08:01:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Investì e uccise un ciclista, chiesti due anni all'imputato per l'incidente in cui morì Elio Balzi

Non era ancora entrata in vigore la legge sull'omicidio stradale: il giudice ha disposto il risarcimento per la nipote

Cronaca Rimini | 08:01 - 12 Novembre 2019 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Il 7 novembre del 2013 aveva investito l'ex consigliere comunale di Coriano Elio Balzi che stava viaggiando a lato strada a bordo della sua bici mountain bike, indossando come si è accertato in un secondo momento il gillet catarifrangente. Come riporta la stampa locale, l'imputato è stato condannato alla pena - sospesa - di due anni (la legge sull'omicilio stradale non era ancora entrata in vigore, ndc) e al pagamento di un risarcimento di 100 mila euro alla nipote, che si era costituita parte civile.
L'incidente era avvenuto su via Pian della Pieve verso Rimini poco prima delle 18 - quindi già buio - e in una strada prima di illuminazione. L'automobilista si è sempre difeso dicendo che la bici era priva degli elementi catarifrangenti e sotto choc, aveva prestato i primi soccorsi, invano. Balzi era stato colpito alla testa dallo specchietto del furgone che il suo coetaneo riccionese stava conducendo: un impatto che gli è stato fatale.