Giovedý 21 Novembre10:47:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ottavo anno per il corso di autodifesa per donne di Verucchio

Le insegnanti sono le maestre Marina Biagini e Sara Pasini, supervisione tecnica di Carlo Alberto Pari

Attualità Verucchio | 12:16 - 09 Novembre 2019 Le partecipanti al corso di autodifesa per donne a Verucchio (ottava edizione) Le partecipanti al corso di autodifesa per donne a Verucchio (ottava edizione).


Il corso di difesa personale per donne diretto da donne fa filotto. Sono infatti riprese appunto per l’ottavo anno consecutivo le lezioni di Ju Jits (arte della difesa personale per eccellenza) organizzate dalla ASD AKS Rimini/Verucchio con il patrocinio dell’amministrazione comunale e guidate come detto da due insegnanti: le maestre Marina Biagini, una delle donne con i più elevati gradi marziali in Italia (cintura nera 5° Dan di karate e 4° Dan di Ju Jitsu) e Sara Pasini, una invece fra le più giovani sul panorama nazionale. La supervisione tecnica del corso è affidata al soke        (Fondatore) maestro Carlo Alberto Pari, in assoluto, tra i più alti gradi marziali del nostro Paese con un master Universitario in Postuologia e al waka sensei ( co-fondatore) maestro Mattia Pari, 6° Dan di Karate e 6° Dan Ju Jitsu).

“Le finalità sono il benessere psicofisico e il miglioramento della sicurezza attraverso l’apprendimento di tecniche e strumenti utili alla difesa personale grazie a quello che non è solo uno sport, ma una sorta di forma d’arte. Da qui il titolo emblematico Difendersi è anche amarsi: la paura impedisce la vita” spiegano gli organizzatori.
“I numeri ci dicono che quasi 3 omicidi su 4 sono stati commessi nell’ambito familiare e non sono mancati purtroppo gravi episodi anche nella nostra provincia. Per questo la nostra amministrazione sostiene e promuove convintamente occasioni di prevenzione e contrasto ad ogni forma di violenza di genere come questo corso” evidenzia l’assessora allo sport, sicurezza e servizi sociali Eleonora Urbinati. “Il fenomeno non va sottovalutato, per questo oltre a mantenere lo svolgimento del corso, il nostro Comune è molto attivo sul tema, organizzao diverse iniziative di sensibilizzazione, proponeo in collaborazione con C.R.I. progetti presso le scuole del territorio, e partecipa ai vari bandi e progetti promossi e voluti dalla Regione Emilia Romagna, anch’essa molto presente sull’argomento”  tiene la guardia alta il sindaco Stefania Sabba.

Sono 15 le signore che partecipano al corso, numero che consente di rendere la didattica fruibile e comprensibile a ogni livello di cintura, visto che ce ne sono dalla bianca alla marrone. Nel corso si pratica un Ju Jitsu moderno di assoluta avanguardia, comprensivo di oltre 200 tecniche a mani nude e test di valutazione scientifici facoltativi finalizzati a verificare il potenziale fisico  rapportato alla pratica del ju jitsu, comprensivo dello studio di tutti gli strumenti legali deputati alla Difesa Personale.  Il Metodo (JJMMP – www.gruppoaks.it)  è riconosciuto da una delle più importanti Federazioni mondiali della Disciplina ed è parte del Ju Jitsu AICS, uno dei maggiori enti di promozione sportiva riconosciuto dal Coni in Italia..