Venerd́ 06 Dicembre00:01:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, squadra rabberciata a San Benedetto: anche Palma ko dopo Van Rasbeeck e Petrovic

I tre under sono Silvestro, Cigliano e Ventola. Zamparo in panchina. Cioffi: 'Venderemo cara la pelle'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 12:34 - 09 Novembre 2019 Renato Cioffi nella conferenza stampa della vigilia di Sambenedettese Rimini Renato Cioffi nella conferenza stampa della vigilia di Sambenedettese Rimini.

Dopo i tre punti ottenuti a spese della Vis Pesaro al Romeo Neri, il Rimini – la peggior formazione del girone con appena tre punti quanto al rendimento esterno -  domenica va a San Benedetto (ore 15) ad affrontare una squadra arrabbiata: reduce da quattro ko di fila, di cui l'ultimo a Reggio Emilia condito da tante polemiche per l'arbitraggio. Nelle file biancorosse, tra l'altro, mancheranno Van Rasbeeck,  Petrovic e Palma alle prese con i postumi di un pestone al piede: si teme una microfrattura. Per cui la formazione è fatta (e il tecnico l'ha annunciata per la prima volta): Scotti; Scappi, Ferrani, Picascia; Nava, Candido, Montanari, Cigliano, Silvestro; Gerardi e Ventola davanti. Il tecnico di fronte al ballottaggio Oliana-Ventola ha preferito il secondo come terzo under scegliendo un over (Picascia) in difesa. Montanari avrà compiti di protezione della difesa, Candido e Cigliano dovranno cercare di fare gioco.
IL TECNICO “Ci serve una partita da combattimento: giocheremo in una bolgia, in uno bello stadio, contro un avversario che ha recuperato quasi tutti gli infortunati e forte: è arrivato a -1 dalla vetta un mese fa prima di perdere per infortunio diversi giocatori. Spero che tutte le lamentele legate all'arbitraggio di reggio Emilia non ci penalizzino. Non dobbiamo essere la vittima sacrificale”.
Il Rimini è la peggiore squadra del girone in trasferta dove non ha mai vinto...
“Ci manca un exploit fuori casa che possa permetterci di recuperare qualche passo falso in casa e darci slancio. Il nostro obiettivo è la salvezza. Se fai i punti prima meglio, ma non ci deve far cadere nello sconforto dopo una sconfitta”.






ASCOLTA L'AUDIO