Mercoledý 11 Dicembre15:23:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nina Zilli e Michele Monina alla Music Academy di Rimini: "Fate musica con il vostro stile"

La cantautrice e il critico musicale hanno tenuto una lezione tra fan e amatori 

Attualità Rimini | 16:46 - 06 Novembre 2019 Nina Zilli alla Music academy di Rimini Nina Zilli alla Music academy di Rimini.

“Scrivete e fate musica. Vi deve piacere e lo dovete fare principalmente per voi. Mantenete il vostro stile personale. Io L'ho fatto, ci è voluto tanto ma sono riuscita a diventare quello che sono oggi”.

Sono le parole di un'insegnante d'eccezione per gli studenti della Music Academy Rimini: Nina Zilli. La cantautrice è stata ospite dell'accademia riminese con il critico musicale Michele Monina che ha giocosamente intervistato l'artista. “Poter fare un'accademia come questa è un sogno. Ai miei tempi non c'erano realtà così belle con così tanta tecnologia, sale di registrazioni", racconta a cuore aperto Maria Chiara Fraschetta, "si faceva il conservatorio e basta. Questi ragazzi sono molto motivati. La musica parte dalla passione, prima di tutto ed è fatta di incontri, di condivisione. E questo è il luogo ideale”. Al termine dei racconti, Zilli ha regalato ai presenti una piccola esibizione live accompagnata alla chitarra dal maestro Claudio Caselli (che insieme a Luca Red e Max Monti gestisce la Music Academy Rimini), il brano "50mila", uno dei suoi più grandi successi, tra gli applausi degli studenti e dei tanti fan presenti.

 Gli speciali 'coach' hanno poi parlato ai ragazzi di tecnologie, talente di come è cambiato fare e ascoltare musica, dagli anni Novanta ad oggi. “Sono all'antica e uso poco i social", dice Nina, "il mondo del web è un mare immenso dove perdersi. Credo che per un artista serva prima di tutto un progetto alla base. La musica deve rimanere la musica. Esistono i 15 secondi di Instagram, il proprio singolo può anche passare da Spotify e tutti i canali social e sparire dopo poco tempo. Ma dietro c'è tutto il resto. I concerti e i tour prima di tutto, che sono la cosa più bella e ti fanno andare avanti con la tua musica molto più tempo di un click sullo smartphone”.