Mercoledý 20 Novembre19:26:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fiera di San Martino a Santarcangelo, l'arrivo di Salvini e Borgonzoni preoccupa i partigiani

La presidente della sezione provinciale invoca sorveglianza e invita gli onorevoli ad altro palco

Attualità Santarcangelo di Romagna | 16:35 - 06 Novembre 2019 La candidata alla presidenza dell'Emilia-Romagna Lucia Borgonzoni con Matteo Salvini La candidata alla presidenza dell'Emilia-Romagna Lucia Borgonzoni con Matteo Salvini.

Si avvicina la fiera di San Martino a Santarcangelo di Romagna, appuntamento di metà novembre per migliaia di persone con i gusti tipici della tradizione romagnola, ma anche con l’artigianato, le tradizioni, l’autunno pieno. Ma l’annuncio dell’arrivo di Matteo Salvini domenica mattina ha scompigliato molti piani annunciando la sua partecipazione alla giornata di domenica in compagnia di Lucia Borgonzoni, candidata per il centro destra alla presidenza della Lega.

Questa notizia inquieta un po' l’Anpi (partigiani) di Rimini e in particolare la sua presidente provinciale Giusi Delvecchio, «non fosse altro per la confusione di quei giorni poco compatibile con la passeggiata di personalità che girano con la scorta e per le inevitabili resse di ammiratori e non che si potrebbero creare. Si può capire la curiosità di farsi un selfie nella cornice di questo paesino che ha dato i natali a Tonino Guerra, catturato dai fascisti e internato in campo di concentramento nazista a soli diciotto anni e poi cantore pacifista internazionale della bellezza; o che ha dato i natali ai poeti dialettali riconosciuti a livello nazionale, tutti antifascisti. Ma come associazione nazionale partigiani d’Italia vorremmo fare un appello al suo “senso di sicurezza” che tanto ha infuso nelle nostre menti in questo periodo: com’è possibile conciliare la calca delle persone che transitano sotto le corna dell’arco clementino con la “passeggiata” di un onorevole scortato dalla polizia, che scatena vortici di folla al suo passaggio? Non sarebbe più utile che il momento di passerella politica si svolgesse in un clima di maggiore sicurezza?».

Infine c’è l’appello diretto: «Onorevoli Salvini e Borgonzoni, non vorremmo che a causa di queste vostre seppur legittime curiosità di visitare la nostra fiera, noi santarcangiolesi assieme a tutti gli amici che ci vengono a trovare in questa circostanza non potessimo usufruire del nostro desiderato e consueto appuntamento annuale e facciamo quindi appello al senso di responsabilità dei rappresentanti di stato quali voi siete, invitandovi a rinviare ad altro momento più gestibile il vostro appuntamento. Rivolgo un appello a tutti gli organi istituzionali quali Comune di Santarcangelo, Questura e Prefettura di Rimini, Ministero degli interni, che in caso non volessero seguire il nostro suggerimento, si adoperino per garantire il pieno godimento in serenità di questa festa».